Quantcast

Ambiente Asti: “Gli spazi aggregativi e le politiche giovanili devono essere una priorità”

Più informazioni su

Riceviamo e pubblichiamo i risultati emersi dal questionario “Ti aggregAsti?” sugli spazi aggregativi cittadini, realizzata dalla lista civica Ambiente Asti.


Ti aggregAsti?
Ecco i dati che dimostrano che gli spazi aggregativi e le politiche giovanili sono una priorità. Ci siamo lasciati in periodo di campagna elettorale con un lavoro d’inchiesta sugli spazi aggregativi e ci ritroviamo dopo un mese ad analizzare i dati emersi dal questionario distribuito da Ambiente Asti alla cittadinanza. E’ un lavoro che può essere anche anche d’aiuto alla nuova amministrazione per riflettere sulle politiche giovanili e sugli spazi di aggregazione.

Il questionario ha dato come risultato più evidente: “Asti chiede nuovi spazi per incontrarci”. Il sondaggio si basava su 14 domande alle quali hanno risposto ci1adini dai 14 ai 75 anni. È chiaro che l’esigenza di fondo della città sia quella di trovare, preferibilmente recuperare, questi spazi, principalmente usufruendo di quanto esiste ed è stato trascurato e dimenticato in questa città da tante amministrazioni.

Asti chiede più cultura per tutti. Quando abbiamo chiesto quali iniziative i cittadini vorrebbero per la loro città molti hanno chiesto più eventi musicali, teatrali, iniziative di quartiere, laboratori per bambini a contatto con la natura, spazi di aggregazione aperti (senza vincolo di consumazione), incontri ravvicinati con i testmonial della nostra attualità, nuovi cinema all’aperto, più spazi per musica live di tutti i generi e caffè letterari. Si chiede un supporto del Comune a favore delle società sportive per organizzare eventi volti ad avvicinare chi è ancora lontano dallo sport, anche in discipline meno praticate.

Sappiamo che ad Asti esistono realtà aggregative e iniziative culturali. Dunque, da dove deriva l’insoddisfazione?
La maggior parte delle risposte fa emergere una mancanza di coordinamento e una buona comunicazione.

E’ per questo motivo che sarebbe indispensabile un sito unico da valorizzare nel quale inserire le iniziative in programma e gli spazi a disposizione per le diverse atvità. Rispetto agli spazi di studio c’è insoddisfazione per gli orari troppo rigidi. Chiediamo quindi un maggiore supporto dal Comune alle realtà già esistenti.

Inoltre è emerso che gli spazi a disposizione di giovani e artisti non sono sufficienti. Ad Asti c’è un bacino vastissimo di artisti di vario genere che chiede spazi per esporsi e una semplificazione nell’iter della richiesta dei permessi per la realizzazione di iniziative dal basso in spazi pubblici, aree verdi, piazze o edifici comunali in disuso.

Da quanto emerge dal questionario, l’86,5% delle persone non si ritiene soddisfatto delle proposte culturali astigiane, il 93,5% non è soddisfatto dagli spazi aggregativi presenti sul territorio, il 67% chiede che i luoghi adibiti allo studio estendano i propri orari rimanendo aperti in pausa pranzo e la sera. Più del 30% studia a casa o in strutture private per mancanza dei servizi adeguati all’interno delle strutture dedicate. Le motivazioni che maggiormente spingono una persona a scegliere un luogo piuttosto che un altro per le proprie attvità di lavoro, studio e creative sono la
comodità, la prossimità, la possibilità di incontrare altre persone, i servizi (Wi-fi, prese, riscaldamento, aria condizionata…), la pulizia e spazi all’aria aperta.

Da questi e altri dati emersi con il sondaggio chiediamo all’amministrazione che si è appena insediata di pensare come priorità gli spazi aggregativi per una più forte coesione sociale, per restituire ai cittadini e alle cittadine un senso di appartenenza e di cura alla propria città e per favorire la creazione di comunità dislocate sul territorio cittadino.

Laura Goria – Lista civica Ambiente Asti

Più informazioni su