Quantcast

Inaugurato l’hub vaccinale di Santo Stefano Belbo

Alla presenza dell’assessore regionale alla Sanità, Luigi Genesio Icardi, è stato inaugurato ufficialmente nella mattinata di oggi – sabato 8 maggio – l’hub vaccinale allestito presso il centro polifunzionale “Franco Gallo” in via Bruno Caccia, a Santo Stefano Belbo. La struttura, dotata di tre cabine operative, attive dalle 8.30 alle 17.30, sarà al servizio della comunità locale oltre che degli abitanti di Cossano Belbo, Castiglione Tinella, Rocchetta Belbo e degli altri Comuni limitrofi.

“La guerra contro il Covid-19, che tanti sacrifici è costata in termini di vite umane e difficoltà economiche per moltissime attività, non è ancora conclusa – afferma il sindaco di Santo Stefano Belbo, Laura Capra –. Quella della vaccinazione, insieme al rispetto delle norme igienico-sanitarie e al mantenimento di comportamenti prudenti, è l’unica strada per tornare quanto prima alla normalità. Ecco perché la giornata di oggi è, per noi, storica: grazie al servizio di medici, infermieri, personale amministrativo e alla collaborazione con la Protezione civile nella giornata di oggi somministreremo le prime 180 dosi di vaccino ricevute, potendo salire fino a 250 somministrazioni giornaliere, quando le forniture cresceranno”.

“Da oltre un anno, con grandissimo impegno l’Amministrazione comunale ha risposto alla sfida del Coronavirus, senza mai tirarsi indietro – prosegue il primo cittadino santostefanese –. Con il supporto di tutta la cittadinanza e dei tantissimi volontari che hanno prestato la loro opera, abbiamo lavorato al servizio della collettività e oggi, fortunatamente, il traguardo è un po’ più vicino. Il vaccino è l’arma più importante a nostra disposizione per mettere fine a questa guerra: con l’allestimento dell’hub vaccinale, per consentire a tutti di proteggersi dal virus, il Comune sta facendo la sua parte, invitando la cittadinanza a fare altrettanto per poter finalmente voltare pagina, tutti insieme”.

La vaccinazione è disponibile solo su appuntamento, fornendo la propria preadesione nelle apposite liste su www.ilpiemontetivaccina.it, oppure rivolgendosi al proprio medico di base.