Europa Verde di Asti interviene a favore della “Sfattoria degli ultimi”

Europa Verde di Asti si sente vicina al santuario per il ricovero di animali salvati da morte certa e maltrattamenti “La Sfattoria degli ultimi” di Roma, un rifugio privato gestito da associazioni e volontari che si prende cura anche di maiali e cinghiali domestici.
Tutti animali salvati da brutte situazioni, curati e amati.
Questi animali non sono destinati all’alimentazione umana bensì censiti come animali da compagnia, sono la famiglia delle persone che li accudiscono.
L’ASL di Roma ha decretato la loro morte per paura della peste suina, non tenendo conto che sono animali sani, non
a contatto con la gente comune e con la possibilità di contagiare qualsiasi malattia a noi umani, pari a zero!
Se si continuerà con questa follia e si vorrà procedere alla loro condanna a morte, si creerà un pericolosissimo
precedente che metterà a rischio in futuro l’incolumità di ogni animale che abbiamo in famiglia.
È molto importante quindi che si trovi una soluzione che escluda categoricamente tale rischio
” spiegano da Europa Verde, che è intervenuta anche con una lettera al Ministro della Salute Roberto Speranza e il governatore del Lazio Nicola Zingaretti.