Serale e un rapporto più forte con il territorio nei programmi dell’Istituto Galileo Ferraris di Vercelli

Con Cinzia Ferrara, dirigente scolastico dell’Istituto di istruzione superiore Galileo Ferraris di Vercelli (articolato nei tre plessi di Vercelli, sede principale in cui trova spazio l’istituto agrario, Crescentino dove si svolgono i corsi per futuri ragionieri, tecnici agrari e geometri e Trino per gli addetti all’ospitalità alberghiera) è tempo di trarre un bilancio dell’anno scolastico 2021/22 appena concluso e di conoscere quali sono le previsioni per il prossimo anno.

Dirigente, quali sono stati i risultati in questo anno da parte del suo Istituto?
Siamo riusciti a raggiungere l’obiettivo di ottenere la certificazione ISO 9001, propedeutico all’accreditamento regionale che si pensa di ottenere entro la fine del 2022 e che ci servirà ad ampliare la nostra offerta formativa.
Inoltre si è iniziato a lavorare alla riapertura del serale agrario e, in via sperimentale, alberghiero anche nell’ottica della prevenzione alla dispersione scolastica.
Stiamo pure valutando le possibilità di aprire percorsi triennali di formazione professionale nell’abito alberghiero.

Dove e con che modalità si svolgeranno i corsi serali ?
Il corso serale è rivolto a tutti coloro che, di età superiore ai 16 anni, hanno interrotto precocemente a suo tempo gli studi e/o che intendano ampliare il proprio bagaglio culturale.
La sede delle lezioni, Vercelli o Crescentino, verrà scelta in funzione del bacino di utenza degli iscritti che non si limita al territorio della Provincia di Vercelli ma anche si allarga al Casalese, al Chivassese e, in piccola parte, all’Astigiano.
Le lezioni si terranno dal lunedì al giovedì in presenza e venerdì a distanza, mentre i laboratori dell’alberghiero si svolgeranno a Trino Vercellese in presenza.

Un auspicio per l’anno 2022/23 ….
Quest’anno abbiamo scaldato i motori e nell’anno scolastico 2022/23, se il Covid non ci mette lo zampino, saremo a pieno regime. L’anno scolastico 2021/22 ha pressoché visto il rientro dalla fase acuta dell’emergenza Codid-19, dimostrato anche dalla struttura pressoché tradizionale dell’esame di Stato. Per il prossimo anno ed il futuro gli obiettivi saranno quelli di consolidare la collaborazione con il territorio, le istituzioni e le imprese attraverso progetti di educazione ambientale ed il perfezionamento delle attività di formazione professionalizzante.