Quantcast

Lettere al direttore

Christian Giordano nella lettera di fine mandato: “Crediamo di lasciare a chi arriverà dopo strumenti per operare con una certa autonomia”

Riceviamo e pubblichiamo le considerazioni di fine mandato del sindaco di Villanova, Christian Giordano.


Nel Consiglio Comunale del 3 maggio scorso, l’Amministrazione Comunale ha approvato il rendiconto di bilancio 2021, con un avanzo di Amministrazione Comunale pari a 761 mila euro, il più alto avanzo in dieci anni di Amministrazione.

Oltre a lasciare una serie di progetti già approvati e finanziati come la realizzazione del fossalone, per la messa in sicurezza dal punto di vista idrogeologico del paese, investimento da 850 mila euro, circa 1 milione di euro per la sicurezza stradale (lavori da far partire entro la primavera 2023), i fondi per il progetto di Via Vittorio Veneto (250 mila euro), il progetto per il marciapiede Via San Paolo (circa 30 mila euro già finanziato), progetto ampliamento cimitero dei Savi (180 mila già finanziato), progetto per la videosorveglianza (58 mila euro, di cui 43 mila di contributi ottenuti lo scorso mese), “consegneremo” a chi verrà dopo di noi, il progetto per la realizzazione delle rotonde di Sant’Isidoro e quella in direzione Valfenera, (Anas ha chiesto il finanziamento al Ministero dei trasporti), il progetto per il rifacimento della pista di atletica e della tribuna, il progetto per la nascita di un nuovo polo scolastico (70 mila euro di spesa), il progetto per la realizzazione della rete fognaria in Strada provinciale per San Paolo (per il quale si è chiesto un finanziamento al Ministero per 620 mia euro), il progetto preliminare per il rifacimento di Piazza Supponito e per rendere visitabile la Torre Civica, il progetto per interventi di manutenzione delle Torri bisocche,

Sono alla fase finale i lavori di ristrutturazione del cinema (circa 250 mila euro spesi per interventi di efficientamento energetico, messa in sicurezza del tetto, investimenti sulla parte tecnologica).

Si è in attesa del Ministero del Sud per conoscere il riscontro sulla trasformazione in Zona logisitca semplificata dell’Area Bcube, aspetto fondamentale per continuare a sostenere lo sviluppo industriale del territorio e dargli un nuovo “abito” alla luce dei grandi investimenti previsti in campo logistico.

Con l’Acquedotto della Piana si è definito il progetto per il rifacimento delle acque bianche in Via Navone, Piazza Supponito, già finanziato, soltanto da far partire come lavori.

Per il quarto anno consecutivo, verrà abbassata la tassa rifiuti alle famiglie, circa il 2%.

Resta una leva fiscale importante sia in merito all’imu che alla addizionale comunale all’irpef, essendo, l’imu aumentabile di circa il 20%, e l’addizionale irpef di circa 300 mila euro (al momento l’incasso annuale è di circa 140 mila euro).

Quando l’Amministrazione Comunale si insediò nel 2012, complice la situazione disastrosa dell’Italia, che rischiava il fallimento, le casse del comune avevano subito profondissimi tagli e servirono due anni per mettere in equilibrio le cose (le province hanno sofferto per quei tagli fino ad un paio di anni fa); noi abbiamo l’opportunità di lasciare ai prossimi Amministratori una situazione idilliaca dal punto di vista economico-finanziario, un indebitamento (si intendono i mutui contratti per finanziare le opere) che è sceso rispetto al 2012 di qualche centinaia di migliaia di euro, una situazione del personale certamente più efficiente rispetto al 2012 (il licenziamento dell’ex comandante Parisi e del suo sottoposto hanno portato ad un clima più sereno e più operativo.

Pensiamo che essere buoni amministratori, significhi, con i fatti, lasciare a chi arriverà dopo degli strumenti per operare con una certa autonomia. Lasciando progetti soltanto da portare avanti e risorse da investire, permetterà alla prossima Amministrazione di iniziare con una certa serenità. L’augurio è che tra 5 anni o 10, avvenga la stessa cosa, per i prossimi Amministratori.

Christian Giordano, sindaco di Villanova d’Asti