Quantcast

Astinsieme svela il suo programma: 55 pagine per guardare al futuro tra turismo, diritti e mobilità sostenibile (documento)

A poche ore dalla chiusura delle liste, la sala consiliare della Provincia ha fatto da cornice alla presentazione del programma di Paolo Crivelli, candidati a sindaco della coalizione Astinsieme.

Queste pagine sono il frutto di una progettazione partecipato e di un intenso dialogo con lo cittadinanza – ha affermato Paolo Crivellinon nascono solo da un confronto interno della coalizione Astinsieme, ma anche dall’ascolto dei desiderata dei cittadini stessi, che sono stati raccolti nei miei percorsi di ascolto”.

Significativa la scelta di far presentare il programma a cinque giovani, in rappresentanza delle rispettive liste che appoggiano il candidato a sindaco.

Il programma non è da intendersi come la soluzione di tutti i problemi di Asti – ha affermato Nicolò Lanfranco, attivista di Fridays For Future – ma vuole essere uno spunto iniziale per inziare un percorso insieme. Dobbiamo avere una visione a lungo termine: l’Asti di oggi è molto diversa da quella che sarà l’Asti di domani. Dobbiamo essere pronti ad affrontare le sfide del domani iniziando a risolvere le sfide di oggi”.

Davide Bego ha invece parlato di politiche giovanili: “E’ indispensabile progettare spazi per la popolazione giovane favorendo la socializzazione e il tempo libero. Dobbiamo lavorare su digital divide, analizzare le best practices delle altre amministrazioni ed incentivare l’attivazione dei programmi di alternanza scuola – lavoro”

Vorrei un futuro migliore per me e per i cittadini che ci vivono – spiega Lorenza Gerbo, candidata PD – Asti è una città bellissima. Cosa può fare il Comune perchè gli imprenditori del settore alberghiero investano sul territorio? Dobbiamo sviluppare un piano di medio lungo termine, valorizzando il nostro bellissimo centro storico e i grandi musei delle nostre tradizioni, partendo da quello del Palio e affiancandolo a un Museo del Vino e della civiltà contadina”.

Di mobilità sostenibile ha parlato Daniela Bucci, candidata di Europa Verde: “il nostro programma è basato su punti chiari: il rafforzamento del trasporto pubblico locale, il potenziamento delle linee ferroviarie in esercizio e la riattivazione di quelle sospese, lo sviluppo di zone pedonali, ZTL, ZTM in funzione del piano regionale qualità dell’aria, la revisione della rete ciclabile e l’abbattimento delle barriere architettoniche”.

Victoria Briccarello (Uniti si Può) ha elencato i punti del programma su cultura e diritti civili: “Dobbiamo riprendere in mano le chiavi degli eventi culturali della nostra città. Non possiamo più permetterci di avere spazi culturali e museali vuoti. Bisogna essere più consapevoli delle rassegne presenti in città. Le mostre devono essere organiche e coese con il nostro territorio, e dobbiamo attrezzarci per una maggiore informatizzazione nella gestione e nella vendita dei biglietti. Dalla cultura, poi, credo che nascano i diritti civili. Bisogna deistituzionalizzare la vita delle persone ad Asti”.

Dopo questi anni di immobilismo e promesse disattese Asti è un po’ asfittico, ma non è morta, è viva – conclude Crivellie l’esempio lo danno le tantissime persone, di ogni età, che, in questa città, si impegnano in azioni di volontariato prendendosi cura gli uni degli altri, in particolare dei più piccoli, dei più fragili e dei più deboli. Ci sono tanti cittadini che con dignità e silenzio, cercano ogni giorno di cambiare le cose. Valorizzare e diffondere questi comportamenti incentivano altri a compierli,  donano speranza. La città può veramente essere a misura d’uomo, meglio ancora di bambini. Il nostro sogno è quello di costruire una città nuova, bella, verde, attrattiva, vivibile, sostenibile, inclusiva e solidale”.

Ecco il programma completo:

Programma Astinsieme

Generico maggio 2022
Generico maggio 2022
Generico maggio 2022