Quantcast

Nuova sede e nuovi progetti per la biblioteca civica di Canelli

Più informazioni su

La Biblioteca civica G. Monticone di Canelli è pronta a iniziare una nuova vita: entro marzo, aprirà le porte della nuova sede all’interno dello storico Palazzo G.B. Giuliani, dove già si trovano L’Enoteca Regionale di Canelli e dell’Astesana, l’ufficio di informazioni turistiche e luogo di incontro per alcune associazioni del territorio.

Il trasferimento trova fondamento nel progetto dell’amministrazione comunale, condiviso dal consiglio di biblioteca, di rendere la biblioteca civica il fulcro di un nuovo polo culturale cittadino, veicolando all’interno dei nuovi locali attività rivolte a tutte le fasce della popolazione, con particolare attenzione a giovani, bambini e disabili, organizzando momenti di condivisione in ottica di scambio intergenerazionale, eventi culturali, presentazioni librarie, incontri sociali, corsi di arte e disegno.

La Monticone sorgerà tra il primo e il secondo piano dell’ala del palazzo affacciata sull’omonima via G.B. Giuliani, nei locali che finora hanno accolto lo sportello dell’Agenzia delle Entrate e gli uffici del Centro per l’impiego. I principali interventi messi in atto corrispondono a lavori edili, trasloco ed acquisto di nuovi arredi ad integrazione di quelli ereditati dalla vecchia sede del palazzo comunale, progettati in modo da valorizzare lo spazio e renderlo moderno e confortevole.

Allo stato attuale, sono stati terminati i lavori di tinteggiatura dei locali ed il cablaggio per i collegamenti alla rete ed a breve si partirà con l’allestimento dei locali. Il progetto prevede la definizione degli spazi della biblioteca civica in cinque sale: “prestito”, “consultazione”, “bambini”, “multimediale” e “conferenze”. Il Comune di Canelli ha recentemente partecipato ad un bando regionale per il potenziamento dei servizi della biblioteca. Il progetto presentato prevede, tra le altre cose, un intervento di ammodernamento tecnologico attraverso l’informatizzazione dell’offerta tramite apparecchiature digitali e all’avanguardia, attrezzature tecnologiche per la lettura e la cultura, allestimento di postazioni informatiche per studio, ricerca, accesso ad internet e consultazione, ed installazione di L.I.M. (lavagne interattive multimediali) su cui sarà possibile scrivere, disegnare, allegare immagini, visualizzare testi, riprodurre video o animazioni, proponendo spazi dove sia più piacevole stazionare, rendendo lo “stile di vita” più agevole, favorendo l’inclusione sociale per ogni singolo cittadino.

Più informazioni su