Quantcast

Fabrizio Imerito risponde ai consiglieri di minoranza: “Ecco i benefici della nuova modalità di raccolta verticale dei rifiuti”

Riceviamo e pubblichiamo la risposta del presidente dell’Asp Asti, Fabrizio Imerito, ai Consiglieri di minoranza


Il Presidente di Asp Spa Fabrizio Imerito afferma che “I Consiglieri di minoranza, che di recente si sono espressi sul tema, forse ignorano che, in via sperimentale, la raccolta verticale è già stata introdotta in diverse zone della città da oltre quattro anni, senza che ciò abbia determinato “arcipelaghi di rifiuti”, né altre situazioni di criticità. La sperimentazione può dirsi pertanto riuscita, e per questo verrà estesa al concentrico comunale.

Non sono chiare le ragioni che portano ad affermare che la “differenziata è destinata a perdere in qualità e quantità”. Lo studio di fattibilità condotto anche alla luce di altre realtà comunali, che da anni hanno introdotto la raccolta verticale, dimostra invece che l’adozione di tali modalità può determinare un miglioramento fino al 10% della differenziata. Si tratta peraltro di un tassello che permetterà di giungere alla raccolta puntuale e, pertanto, consentirà di porre in essere azioni correttive nei confronti di conferimenti errati, rese possibili da un elevato monitoraggio.
Vengono inoltre dimenticati dai Consiglieri i benefici che la nuova modalità permetterà di ottenere sia in termini fiscali, poiché il progetto rientra tra quelli relativi all’Industria 4.0, sia in termini di riduzione dei mezzi circolanti e pertanto di co2 emessa, sia in termini di riduzione della tassa rifiuti”.

Quanto al piano industriale, Imerito aggiunge che “verrà prossimamente presentato quello che delineerà le azioni e i progetti dei prossimi anni, ma, fino a quel momento, la Società non può rimanere immobile interrompendo gli investimenti.
Relativamente al personale, non c’è alcuna intenzione di fare dei tagli, ma, all’opposto, di efficientare il lato occupazionale del nuovo progetto, creando e mettendo a disposizione dei cittadini servizi che ad oggi sono offerti solo dai privati.
Infine, si evidenzia il proficuo rapporto che intercorre tra Asp e il socio Iren, il cui contributo è fondamentale per la realizzazione di progetti innovativi”.