Quantcast

Casalborgone, cronistoria del trekking del Bosco del Vaj

Ha avuto grande successo la prima edizione del trekking del Bosco del Vaj organizzato da Cammini Divini di Augusto Cavallo, Guida Escursionistica professionale e istruttore di Nordic Walking. Il percorso ad anello di circa 13 km. con un dislivello di + 600 m è stato affrontato senza difficoltà dal gruppo di 60 partecipanti provenienti da tutto il Piemonte.

Dopo il ritrovo di prima mattina in paese a Casalborgone (TO) il gruppo si è inizialmente spostato in auto in Strada Val Chiapini per iniziare l’escursione risalendo la collina torinese entrando nel Bosch Grand fino ad arrivare nei pressi della Rul Verda ed effettuare una prima breve sosta nei pressi del grande albero centenario. Si tratta di una specie molto rara, una Cerro-Sughera o Quercus Crenata di quasi 200 anni che ha la caratteristica di mantenere le foglie verdi per tutto l’anno.

Si riprendeva quindi il cammino sempre attraversando gli stretti sentieri tra il fitto della vegetazione tra querce, castagni, carpini e faggi, uscendo dal territorio di Casalborgone entrando in quello di Castagneto Po entrando nella Riserva naturale del Bosco del Vaj. Da qui il gruppo riprendeva a salire fino al Bric del Vaj, il rilievo più elevato di questo tratto della Collina Torinese a 583 m. s.l.m.

Giusto il tempo per scattare qualche fotografia dei suggestivi panorami che dalla Grande Croce permettono di ammirare la pianura sottostante fino all’arco alpino già imbiancato, prima di riprendere il cammino.

Si procedeva quindi finalmente in discesa attraversando il versante Nord del Bosco fino a raggiungere il Grande Faggio, un altro albero maestoso e centenario meta di molti camminatori. Si proseguiva quindi scendendo verso il fondovalle e da qui rapidamente fare ritorno al parcheggio delle auto verso le 13,30. Al termine delle fatiche il gruppo si è concesso un buon pranzo in compagnia a base di gustosi piatti della tradizione piemontese.