Quantcast

I locali di Via Bonzanigo risorgono a nuova vita grazie alla Fratellanza Militari in Congedo

Cercare di dare nuova linfa e nuova vita ad un pezzo di Asti, racchiuso all’angolo tra via Bonzanigo e via Solari, dove sorge la Fratellanza Militari in Congedo di Asti. E’ questa la mission che si è dato il nuovo presidente Dino Scassa, dirigente d’azienda in pensione che ha  cercato di portare una gestione più manageriale alla storica associazione.

“La fratellanza è nata nel secolo scorso come società di mutuo soccorso per provvedere ai bisogni degli iscritti, soprattutto alle vedove e agli orfani dei soldati – spiega – ora, per fortuna, i tempi sono cambiati, ma il nostro scopo è sempre quello di aiutare i soci in difficoltà, anche se il più delle volte lo facciamo in maniera simbolica”.

Ma la FMC di Asti è proprietaria degli splendidi locali di Palazzo Solari, un gioiello astigiano immerso nei vicoli del centro storico. “Vogliamo creare le condizioni perché questa struttura possa diventare un luogo di aggregazione e di socialità per la città: decliniamo gli antichi valori della Fratellanza alla modernità”.

E così, in poco tempo i saloni della FMC si sono aperti alle più importanti manifestazioni astigiane: dalla Douja d’Or, dove è stato ospitato un percorso degustativo- sensoriale, al Bagna Cauda Day, con la mostra mercato dei libri di cucina (il devoluto andrà alla Croce Verde di Asti) per finire con lo show cooking con prestigiosi chef ospitata nel salone di rappresentanza al piano terra nella due giorni della Fiera del Tartufo.

Un maquillage di idee e contenuti e nello stesso tempo un piano ambizioso che il presidente Scassa, abituato nella sua vita a importanti sfide aziendali, porta avanti con determinazione con i suoi più stretti collaboratori.

Abbiamo cercato di dividere gli spazi della fratellanza in tre gradi ambiti – racconta Giancarlo Sattanino, responsabile dell’area eventi della FMC – il salone di rappresentanza, il cortile interno e la cascina del racconto, che molti erroneamente identificano come spazio a sé ma in realtà è parte integrante della nostra associazione”.

L’obiettivo è quello di arrivare ad ospitare un evento al mese: ” Già abbiamo fatto importanti collaborazioni con Asti Teatro e Cinema Cinema: la nostra volontà è quella di continuare su questa strada facendo da palcoscenico ai più importanti eventi culturali della città”.

Troppo spesso dimenticato, questo angolo del vecchio centro storico vuole tornare ad essere un punto centrale per la vita sociale degli astigiani. “Abbiamo cambiato lo Statuto – conclude Scassa – ora l’Associazione è aperta a tutti, uomini e donne, anche a quelli che non hanno prestato il servizio militare: vogliamo creare un polo culturale per Asti e far tornare la FMC, tra le Associazioni in attività cittadine che può vantare la storia più antica, all’importanza che merita”.  

Generico novembre 2021Generico novembre 2021Generico novembre 2021Generico novembre 2021Generico novembre 2021