Frittate: ecco perché sono tanto amate dagli italiani e come preparare la frittata di riso

Più informazioni su

Si sa che l’Italia dispone oggi di un patrimonio culinario ampio e variegato e che gli italiani sono delle buone forchette quando siedono a tavola. Un popolo che dimostra, in cucina, un forte attaccamento alle tradizioni, ma anche un certo spirito d’inventiva, ossia il desiderio di preparare qualcosa di nuovo. Questo spirito d’inventiva degli abitanti del Belpaese si nota soprattutto nelle frittate, le quali consentono di dare libero sfogo alla fantasia. Alle frittate è ormai riservato un posto speciale nel cuore degli italiani per via del gusto inconfondibile e della possibilità di dare forma ad un antipasto o ad un secondo piatto con le poche cose rimaste nel frigo, evitando inutili sprechi.

Al giorno d’oggi, rispetto al decennio passato, scoprire dei suggerimenti per tantissime frittate sfiziose da sperimentare in cucina risulta molto meno impegnativo se si avviano delle ricerche online o si passa alla consultazione di ricettari ben forniti. Seguendo in parallelo i passaggi descritti e le illustrazioni riportate sul web, quel desiderio di portare in tavola la rivisitazione di un grande classico finalmente si avvera, riuscendo a sorprendere anche i più scettici sulle sperimentazioni.

La frittata di riso: la gustosa rivisitazione del piatto tradizionale

Si è detto che la frittata, tanto amata da genitori e figli, si presta agevolmente ad una rivisitazione nel modo di prepararla che tutti conosciamo, aggiungendo determinati ingredienti o delle semplici operazioni.

Tra le più gustose rivisitazioni della ricetta classica, spicca la frittata di riso da fare con riso, uova, parmigiano grattugiato, caciotta, maggiorana fresca, sale, olio extravergine di oliva e pepe. In genere, la preparazione della frittata di riso richiede un quarto d’ora d’impegno, una volta completata la cottura del cereale. Per questa ragione, la rilettura della classica ricetta in chiave moderna è considerata un vero e proprio piatto salvacene. Un sospiro di sollievo per chi si trova a dover accogliere degli ospiti all’ultimo minuto o per quelli tornati tardi a casa dal lavoro, con poca voglia di passare del tempo ai fornelli.

In aggiunta, questo piatto garantisce la possibilità di valorizzare quegli avanzi lasciati nel frigo che altrimenti sarebbero finiti nel secchio della spazzatura. A sua volta, la ricetta è suscettibile di adattarsi alle preferenze della famiglia e di essere arricchita con l’aggiunta di verdure di stagione fresche o del prosciutto cotto, tanto per fare degli esempi.

Come si prepara la frittata di riso

Dopo aver elencato i benefici della frittata di riso, è doveroso un approfondimento sui passaggi da eseguire. Si comincia tritando la caciotta a cubetti mentre il riso cuoce in una pentola d’acqua bollente già salata. Completata la cottura del cereale, in una ciotolina vengono mescolate le uova, il parmigiano, il formaggio sbriciolato e la maggiorana con un pizzico di sale e pepe. Fatto ciò, è il momento di amalgamare il composto con il riso fino ad ottenere una certa consistenza. Infine, il mix viene cotto per 20 minuti a fuoco medio – basso prima di esser servito ai commensali.

Più informazioni su