Quantcast

Vuoi realizzare un blog? Scopriamo i passi da compiere

Più informazioni su

Da un po’ di tempo stai pensando alla possibilità di aprire un tuo blog, magari per semplice diletto, per farti conoscere, oppure perché hai buone conoscenze in un determinato settore e vuoi produrre dei contenuti tematici? Non può che essere una buona idea!

Scrivere è un hobby piacevole e appagante e realizzare un blog di successo potrebbe garantirti anche dei risvolti importanti a livello economico, ma questo è un qualcosa che è bene affrontare solo in seguito, quando il blog sarà avviato e potrà contare un certo numero di visite, o comunque quando sarà diventato un punto di riferimento per una determinata nicchia; il primo passo da compiere è quello di avere un’idea e avere, al contempo, la giusta motivazione per essere costanti.

Scegliere il dominio e acquistare l’hosting

A livello tecnico, il primo passo per realizzare il tuo blog è l’acquisto del dominio, ovvero il nome con cui si presenterà ai navigatori (il dominio di questo sito, per intenderci, è atnews.it), di conseguenza cerca di sceglierlo con attenzione affinché sappia rivelarsi efficace.

Allo stesso tempo devi procurarti un hosting, ovvero lo spazio server in cui il sito web andrà ospitato (“to host”, appunto, in lingua inglese significa ospitare); grandi realtà, come ad esempio delle grosse aziende, possono disporre di server di proprietà, gestiti autonomamente, ma se vuoi semplicemente aprire un blog, questa possibilità sarebbe a dir poco spropositata.

Queste due operazioni, ovvero scelta del dominio e acquisto del pacchetto hosting, possono essere eseguite congiuntamente facendo riferimento ai siti web ufficiali di aziende che offrono questi servizi, come Top Host; puoi cliccare qui per la registrazione di un dominio.

Installare un CMS

Il passo successivo è quello di installare un CMS, ovvero un sistema di gestione dei contenuti.

I CMS sono ormai diffusissimi e grazie a queste piattaforme, che puoi scaricare in modo del tutto gratuito, potrai gestire il tuo sito e pubblicare nuovi contenuti in un modo assolutamente agevole, senza alcun bisogno di mettere mano al codice e senza dover eseguire operazioni tecniche.

Per un blog, i CMS tra cui puoi scegliere sono molteplici: quello che è considerato il migliore in assoluto, e che non a caso è il più utilizzato al mondo, è tuttavia WordPress.

Gli hosting gestiti

Ritieni che scaricare il CMS possa procurarti qualche grattacapo, non avendolo mai fatto? Nessun problema!

Molte società che offrono servizi hosting ti propongono anche i cosiddetti hosting gestiti, ovvero hosting in cui WordPress o altri CMS sono già installati, di conseguenza per accedere al pannello di controllo del tuo nuovo blog non dovrai fare altro che un login, con le credenziali che ti verranno fornite tramite email.

Pubblicare le informative sulla privacy

Affinché il tuo blog sia perfettamente in linea con le disposizioni sulla privacy, inoltre, devi pubblicare delle apposite informative; nulla di complesso, non temere, tuttavia il Regolamento Europeo GDPR è molto rigoroso in materia di privacy, di conseguenza i siti web devono fornire all’interessato, in questo caso il visitatore, le dovute informazioni.

Un blog, di norma, gestisce dei dati personali davvero minimi, di conseguenza non devi compiere nulla di complicato: per produrre le informative puoi affidarti a un legale, oppure puoi utilizzare degli appositi servizi online, molto semplici da adoperare ed assolutamente accessibili anche a livello economico.

Produrre contenuti con costanza

Il passo successivo è quello tecnicamente più semplice, ma al contempo quello operativamente e qualitativamente più complicato: la produzione dei contenuti.

Sicuramente, all’inizio non vedrai l’ora di scrivere degli articoli nel tuo blog, dilettarti in questo tuo nuovo hobby e scoprire quanti visitatori hai ottenuto, ma la gestione di un blog richiede una grande costanza e arriveranno senz’altro dei momenti in cui farai fatica, magari perché gli impegni lavorativi e personali ti toglieranno molto tempo, oppure perché sarai a corto di idee.

È proprio in questi frangenti che dovrai tirar fuori la tenacia e portare avanti il tuo progetto, per dargli continuità: un blog “abbandonato” non fa mai un bell’effetto sui visitatori i quali, al contrario, hanno sempre bisogno di nuovi contenuti per tenere vivo il loro interesse.

Image by StockSnap from Pixabay

Più informazioni su