Quantcast

Inaugurata la Fiera del Tartufo di Moncalvo all’insegna della ripresa turistica e culturale fotogallery

Il timore della vigilia era che i tartufi non fossero protagonisti, ma ospiti tanto attesi che non sarebbero riusciti ad arrivare.

Invece ancora una volta la Fiera Nazionale del Tartufo di Moncalvo, inaugurata oggi, domenica 24 ottobre, e arrivata alla sua 67ima edizione, non ha deluso le aspettative. Nonostante la siccità dei mesi scorsi non abbia aiutato lo sviluppo del profumato fungo ipogeo, i visitatori, intervenuti numerosi alla Fiera, hanno potuto ammirare begli esemplari, tra questi il vincitore del premio “Tartufo d’oro” di 255 grammi, trovato da Giovanni Ronzano a Costigliole d’Asti.

All’apertura della manifestazione, che si ripeterà anche domenica prossima 31 ottobre, sono intervenute diverse autorità locali e provinciali per un’edizione controllata, all’insegna della sicurezza, ma che ha potuto riscopire la sua vocazione di vetrina per l’intero territorio. “Sono molto contento dell’affluenza – ha commentato il sindaco Christian Orecchia – La gente sta acquistando i nostri prodotti e va via soddisfatta. Questo è un successo”.

“La partecipazione a questa fiera dimostra la forza del territorio – ha evidenziato Mauro Carbone, direttore dell’Atl Langhe, Roero e Monferrato – E’ il risultato di un’attenzione al prodotto che è la vera peculiarità del Piemonte e del Monferrato. Dietro ogni tartufo c’è una filiera forte formata da cercatori esperti che sanno cosa cercare e come, commercianti preparati che sanno selezionare e una ristorazione con standard di qualità elevati. Un know-how che non teme il ricambio generazionale. Sono molti i giovani che si avvicinano infatti a questa attività della tradizione, mantenendola in vita”.

Ma la Fiera del Tartufo ha potuto fornire non solo un’occasione per esaltare i prodotti gastronomici locali, ma anche per porre l’attenzione sulla cultura, che, di pari passo con la ripresa turistica, negli ultimi mesi ha conosciuto una rinascita. A dichiararlo è Maria Rita Mottola, presidente di A.L.E.R.A.MO. Onlus, ente gestore del Museo Civico di Moncalvo che da venerdì scorso sta ospitando la mostra temporanea “Nostalgia del mare” dell’artista Labar. Labar, nato a Messina, da anni abita a Villadeati. Il mare è per lui fondamentale. I suoi oli su tela esprimono la forza dei ricordi e dei paesaggi custoditi nel cuore e nella memoria. Il dipinto che apre la mostra simboleggia l’unione delle due vite di Labar, quella marina e quella collinare: un papavero che, come l’artista, si innalza su una collina verdeggiante con alle spalle un cielo dall’azzurro intenso che ricorda le cromie del mare. La mostra è arricchita da pannelli che riportano un piccolo poema in quartine, scritto da Maria Rosa Pantè proprio partendo dalle suggestioni ispirate dai dipinti.

Dalle trasparenze e dettagli perfetti di Labar ai tratti decisi e colori accesi di Mario Pavese nell’esposizione “Disegni a memoria” ospitata in piazza Garibaldi. Elvira e Roberto, figli dell’artista e vignettista, accompagnano i visitatori tra disegni e bozzetti inediti realizzati a partire dagli anni cinquanta. “Pavese non è solo il pittore di Moncalvo che sulle tele ha immortalato scene tipiche del Monferrato della sua giovinezza, ma anche il professionista che ha lavorato per moltissimi anni come grafico” spiegano. Oltre al logo realizzato per la Fiera del Tartufo, che risale al 1980, sono molte le opere curiose esposte. Tra queste un’autocaricatura e vignette realizzate quando Pavese era ancora un giovane studente di Giurisprudenza, per l’Eco di Moncalvo, giornale locale dalla vena critica.

Tra tartufi, visitatori e arte ecco cosa ha voluto dimostrare la fiera andata in scena oggi: una ripresa socioculturale, dopo il buio della pandemia, è possibile e parte dal locale dei nostri territori.

Di seguito i vincitori per categoria della prima giornata di fiera.
CATEGORIA TRIFOLA GRUPPO: terzo posto a Isolino Inquartana (280gr); secondo posto Fabrizio Baratella (110 gr): primo posto Alessio Pasotti (540 gr).
CATEGORIA COMMERCIANTI GRUPPO: terzo posto “La casa del porcino”; secondo posto Antonio Dalla Francesca; terzo posto Alessandro Denaro.
CATEGORIA SINGOLO: terzo posto Massimo Catalani (110 gr); secondo post Antonio Dalla Francesca (280 gr); terzo posto Giovanni Ronzano (255 gr. ) nella foto di apertura insieme alle autorità.