Quantcast

Il Mondo del Business

Più informazioni su

È arrivata l’ora di immergersi in quello che è forse il concetto più antico del pianeta: Il Business. La prima cosa che viene in mente è il collegamento con i film Americani, i vari “Il Padrino”, il più moderno avvocato del diavolo e chi più ne ha più ne metta. Frasi come “ Business is business” risuonano fieri nella nostra mente ma andando ad analizzare il concetto nel profondo siamo sicuri di conoscerlo realmente?

Cosa si intende con il termine Business? Il termine business si riferisce ad un’organizzazione o entità impegnata in attività commerciali, industriali e/o professionali. Le imprese possono essere a scopo di lucro o no profit e possono variare in scala da piccole imprese a società internazionali. L’oggetto di scambio può essere classificato in merci e servizi. Per i primi si intendono i prodotti, ad esempio l’automobile e altri oggetti di uso comune, gli altri sono più propriamente attività o prestazioni svolte da un’azienda o da un singolo per soddisfare le richieste e bisogni altrui. Un meccanico esegue un servizio quando ripara un’auto, un dottore esegue un servizio prendendosi cura dei suoi pazienti .Il business è dunque una combinazione di tutte queste attività.

 Tipi di Aziende

 Molte aziende si organizzano intorno a una sorta di gerarchia interna con ruoli e responsabilità stabilite. Le strutture più comuni includono:

Imprese individuali: Come suggerisce il nome, una ditta individuale è di proprietà e gestita da una singola persona fisica. Non c’è separazione legale tra il business e il proprietario, il che significa che le responsabilità fiscali e legali del business ricadono sul proprietario stesso.

Società di persone: Una partnership è una relazione d’affari tra due o più persone che uniscono le forze per condurre gli affari. Ogni partner contribuisce con risorse e denaro al business e ne condivide i profitti e le perdite. I profitti e le perdite condivisi sono solitamente registrati sulla dichiarazione dei redditi di ogni partner.

Corporazioni: Una società di business in cui un gruppo di persone agisce insieme come una singola entità. I proprietari sono comunemente indicati come azionisti che si dividono il frutto del commercio in base alla quantità di azioni ordinarie della società in possesso.

Società a responsabilità limitata (SRL): Questa è una struttura aziendale relativamente nuova, utilizzata per la prima volta in Wyoming nel 1977 e in altri stati negli anni ’90. Una società a responsabilità limitata combina i benefici della tassazione “pass-through” di una partnership con i benefici della responsabilità limitata di una società.

Come anticipato prima, le dimensioni delle imprese possono variare da piccole, medie a grandi. Le piccole sono solitamente gestite da una persona o da un piccolo gruppo e possono includere, ad esempio, ristoranti a conduzione familiare, aziende casalinghe, aziende di abbigliamento ecc. I profitti sono generalmente bassi, ma sufficienti a sostenere le operazioni.

Le imprese di medie dimensioni sono classificate per profitto ,di norma possono considerarsi medie le aziende che guadagnano tra 50 milioni e 1 miliardo di dollari in entrate. Queste sono notoriamente più consolidate delle piccole imprese, con una base di dipendenti che va da 100 a 999 persone. Forbes ha elencato Fair Isaac, l’azienda dietro FICO, come il primo datore di lavoro di medie dimensioni negli Stati Uniti nel 2021. L’azienda ha più di 4.000 dipendenti e ha guadagnato 1,295 miliardi di dollari di entrate nel 2020.

Le imprese più grandi, che comunemente operano come società, sono quelle che impiegano più di 1.000 persone, generano più di 1 miliardo di dollari di entrate e possono emettere azioni societarie per finanziare le proprie operazioni. In poche parole l’azienda è quotata in borsa e ha alcune restrizioni operative e di reporting, a differenza delle aziende più piccole che possono operare indipendentemente dai regolatori. Conglomerati multinazionali come General Electric e Walmart sono esempi di corporazioni.

Il Business Catalogue

Il mondo del business è in continua crescita e la velocità del suo sviluppo ha incontrato una notevole impennata con l’evolversi di Internet e del web. Tra i più moderni strumenti di marketing vorremo dare un occhio di riguardo al “Business Catalogue”.

Un catalogo di prodotti è un escamotage di marketing che ha il fine di incoraggiare gli acquirenti a prendere una decisione di acquisto elencando nel web i dettagli essenziali dei prodotti in vendita. Questi dettagli includono solitamente caratteristiche del prodotto, descrizioni, dimensioni, prezzo, peso, disponibilità, colore, recensioni dei clienti e altro.

Il miglior esempio di un catalogo di prodotti è il mercato di Amazon, dove è possibile ottenere una serie di informazioni con un solo clic. Pensa a un libro che stai cercando di comprare – Amazon elenca tutte le informazioni di cui hai bisogno. Include il titolo del libro, il nome dell’autore, il nome dell’editore, il numero di pagine, una breve istantanea del libro, il prezzo, le dimensioni, le offerte/sconti, le recensioni e altro.

Nel mercato Italiano l’uso del Business catalogue è sempre più in voga (https://vettore-it.com) soprattutto per quanto riguarda il mondo della Moda, turismo e ristorazione. Anche le nostre famose piccole aziende a conduzione familiare stanno piano piano facendo il loro ingresso nel mondo del business online utilizzando metodi di vendita sempre più moderni e articolati, mettendo a volte a dura prova le concorrenti più grandi.

Foto di Free-Photos da Pixabay

Più informazioni su