Quantcast

“Il coraggio di essere uguali”: Don Andrea Bonsignori ne discute con Mauro Ferro al Castello di Cisterna

Diversità, uguaglianza, parole che contraddistinguono tutti ma, se riferite ai disabili, la prima è spesso l’unica che emerge ma può essere anche un’altra storia. Lo racconta ne il “Il coraggio di essere uguali” (ETS) don Andrea Bonsignori. Il libro, scritto con Marco Ferrando (caporedattore a Il Sole 24 Ore) verrà presentato al Castello di Cisterna, martedì 2 novembre 2021 alle 21. L’autore dialogherà con Mauro Ferro.

L’ incontro è promosso da Polo Cittattiva per l’Astigiano e l’Albese – I.C. di San Damiano, Comune e Museo di Cisterna, Coop.”Chicco Cotto” di Torino, Comune di San Damiano con Fra Production Spa, Lib. “Il Pellicano” e Aimc di Asti. Il percorso inaugura l’iniziativa #Bottiglie per la cultura alla quale hanno aderito le Cantine Povero, Vaudano Gaggie e Mo di Cisterna.

Don Bonsignori è pedagogista, dirige da oltre 10 anni la scuola del Cottolengo di Torino. È socio fondatore e membro del consiglio di amministrazione della Fondazione Italiana per l’Autismo. Collabora con tutti coloro che si dedicano alla causa dell’handicap con professionalità e dedizione. Mauro Ferro, docente, è stato responsabile della Casa di Carità Arti e Mestieri, è Presidente provinciale delle Acli di Asti.

Il libro, scrive G. Antonio Stella, racconta “i successi e le difficoltà di un’avventura imprenditoriale unica nel suo genere, la Chicco Cotto. A Torino, nel cuore del Cottolengo, c’è un prete che sostiene che «la dignità viene prima della carità». Ha raccolto un gruppo di professionisti di alto livello e ha creato la Chicco Cotto, un’azienda di vending che si è fatta conoscere per la bontà dei suoi prodotti e la “straordinarietà ordinaria” del suo modello organizzativo, attirando capitali e attenzione da parte dei media. Oggi la Chicco Cotto fornisce su scala nazionale scuole, ospedali… Con la guida di personale specializzato avvia i ragazzi con disabilità e disturbi dello spettro autistico al mondo del lavoro. Ogni ragazzo, secondo le sue possibilità, impara tutte le fasi del processo. Gestita con piglio manageriale da don Andrea Bonsignori, la Chicco Cotto non è solo una “impresa sociale”, ma una società che sta sul mercato e ha il coraggio di essere uguale a tutte le altre. Un’avventura imprenditoriale unica, che propone un nuovo sistema di formazione e lavoro, un esempio di collaborazione fra scuola e azienda che si sta diffondendo”.

Iscrizioni (entro il 30/10/2021): https://www.museoartiemestieri.it/ – Info:polocittattiva_formazione@icsandamiano.it