Quantcast

I Consigli del Gianca, dall’orto al giardino… alla cucina con verdure di stagione!

Eccoci con un nuovo appuntamento con i “Consigli del Gianca“, rubrica a cura di Giancarlo Bona, volto storico di Bona B&P di via Perosi 20, ad Asti, che mette a disposizione dei lettori di ATnews la sua grandissima esperienza e i suoi studi per aiutarci a fare la cosa giusta nel momento giusto tra orto, frutteto e giardino.

La scorsa volta Giancarlo ci ha parlato dell’importanza di seguire le fasi lunari nella semina e delle varie procedure tra orto, giardino e cantina. Non dimentichiamocelo! Fino al 3 novembre la luna è calante. La prossima luna nuova è il 4 novembre, la fase crescente dal 5 al 18 novembre. Sarà Luna Piena il 19 novembre e calante dal 20 novembre fino al 3 dicembre.

Ma oggi, ai consigli abbinati alle fasi lunari, il Gianca vuole fare di più! Leggete fino alla fine e scoprirete un nuovo e… gustoso consiglio!

Orto e Giardino. 
Siamo dunque in luna calante. Nell’orto è ora di seminare, in coltura protetta, cipolle, lattuga, radicchio da taglio, rucola e valeriana.
Si piantano i bulbi di aglio all’aperto. Bisogna stare molto attenti alle gelate che si avvicinano: dunque, si raccolgono prima delle gelate le carote, radici e tutte le verdure da conservare.
Nel frutteto si distribuisce la pacciamatura alla base delle piante e si raccolgono le olive da conservare.
Nel giardino si potano glicine ed arbusti a foglia caduca.

Cosa fare in luna crescente? In cantina si può effettuare il primo travaso e si imbottiglia il vino novello. Nell’orto si seminano in zone temperate ravanelli, piselli e prezzemolo. E’ ora di trapiantare i cavoli.
Nel giardino s’interrano i bulbi a fioritura primaverile e si trapiantano nuovi ceppi di rosa, siepi ed erbacee biennali.

Ed ecco il gustoso consiglio! Questo mese vi consigliamo non solo come ottimizzare la cura dell’orto e del giardino, ma, in collaborazione con Paola Uberti di Libricette.eu, vi suggeriamo anche come usare quello che vi ha dato l’orto! Se avete seguito tutti i “Consigli del Gianca”, avrete ottima verdura di stagione da utilizzare in cucina. Utilizzare la frutta e la verdura di stagione è fondamentale per la nostra salute e per un consumo sostenibile. Se poi è il frutto del vostro impegno nell’orto o nel frutteto, c’è ancora più soddisfazione.

Ecco a voi i “Baci” di cavoletti di Bruxelles con tomino, capperi e olive.
by Paola Uberti per “I consigli del Gianca”.

bona cavoletti

Conoscere, acquistare e consumare frutta e verdura di stagione, oltre a permetterci di stringere un profondo legame con la natura – della quale facciamo parte, non dimentichiamolo mai – e di avere un approccio sostenibile al cibo, ci aiuta a comprendere quanto sia prezioso il lavoro degli agricoltori e a divertirci in cucina variando la nostra dieta, prendendoci cura della nostra salute.
Quando abbiamo a disposizione ortaggi buoni e sani, spesso non servono ricette lunghe e complicate per portare a tavola qualcosa che possa piacere a tutti, bambini compresi.
È il caso di questi cavoletti di Bruxelles che diventano divertenti e buonissimi “baci” da servire come antipasto oppure in occasione di una cena a buffet fuori dagli schemi.

Preparazione: 25 minuti
Cottura: 11 minuti
Quantità: 14 baci
Ingredienti
1/2 cucchiaio di capperi accuratamente dissalati
Una piccola manciata di olive taggiasche in olio extravergine, sgocciolate e tamponate con carta da cucina
14 piccoli cavoletti di Bruxelles (circa 180 grammi di peso totale)
50 grammi di tomino fresco
Olio extravergine di oliva delicato q.b.
Sale q.b.
Pepe nero macinato al momento q.b.

Procedimento
Tritare finemente capperi e olive.
Eliminare la base dei cavoletti di Bruxelles e scartare le foglie esterne che si staccheranno spontaneamente.
Portare a bollore abbondante acqua leggermente salata e lessarvi i cavoletti per 6 minuti, quindi scolarli e lasciarli raffreddare. Quando saranno freddi, tagliarli a metà verticalmente.
Scaldare bene una piastra antiaderente e appoggiarvi i cavoletti con il taglio rivolto verso il basso avendo cura di tenere vicine le due metà dello stesso ortaggio che dovranno essere ricongiunte. Grigliarli a fiamma media per 5 minuti o fino a quando saranno leggermente abbrustoliti. Lasciare raffreddare.
Sistemare il tomino in una ciotola e unirvi i capperi e le olive.
Condire con un filo d’olio e insaporire con poco sale (gli ingredienti utilizzati conferiscono già sapidità alla preparazione) e una macinata di pepe, quindi lavorare energicamente con una forchetta per ottenere una crema.
Spalmare un po’ di crema sul lato grigliato di metà dei cavoletti di Bruxelles, poi accoppiarli premendo delicatamente.
Servire a temperatura ambiente.

Non sprechiamo il cibo
Le foglie inutilizzate dei cavoletti di Bruxelles possono essere impiegate assieme ad altri ritagli di verdure (apici e barbe di finocchio, gambi di broccolo, torsoli di cavolo o cavolfiore…) per preparare brodi vegetali fatti in casa oppure creme, minestre e minestroni.

L’acqua è un bene prezioso
L’acqua di cottura dei vegetali può essere recuperata usandola per cuocere riso o pasta che prevedano un condimento a base di ortaggi oppure, per minestre e minestroni. Una volta fredda, se non è salata, è ideale per annaffiare le piante.

Questa ricetta è…
Senza glutine
Vegetariana

Bello vero cucinare con quanto ha prodotto il nostro orto?

Ricordiamo che per rifornirsi di sementi e piantini e di tutto ciò che vi serve per prendersi cura dell’orto e del giardino, insieme alla possibilità di approfondire ogni dubbio e curiosità, Giancarlo Bona e il suo staff sono sempre disponibile nel negozio di via Perosi 20, ad Asti, pronti a consigliare i prodotti adatti ad ogni esigenza. E’ attiva anche la consulenza via WhatsApp al numero 0141.214342 dove potete inviare le vostre foto in caso di dubbi su come stanno le vostre piante.