Quantcast

Attenzione alle truffe: i consigli della Banca di Asti su come riconoscerle e difendersi

Sono in corso in questi giorni diversi tentativi di truffa ai danni dei clienti di diversi istituti bancari, attraverso l’invio di SMS.

Gli utenti vengono invitati tramite un SMS a cliccare su un link malevolo con lo scopo di acquisire dati personali, codici segreti autorizzativi o credenziali di accesso all’internet banking.
I testi degli SMS fraudolenti spesso dicono che c’è un problema o un accesso non autorizzato all’internet banking, o in altri casi invitano a cliccare su un link per procedere a un presunto blocco della carta o per un adeguamento della sicurezza. Molto spesso, dopo aver cliccato sul link vengono chiesti dati aggiuntivi oltre alle credenziali, come ad esempio il numero di telefono.
Spesso è ancora più difficile riconoscere la truffa perché i messaggi fraudolenti si inseriscono in mezzo a messaggi legittimi ricevuti dalla propria banca e anche le pagine visualizzate sono del tutto simili a quelle della banca.

Il primo consiglio è quello di fare molta attenzione ai link indicati nei messaggi e di aprirli solo dopo averne accertato la veridicità della fonte di provenienza.
E’ importante mantenere la calma e non agire di impulso.
Ricordiamo che le banche non chiedono mai di inserire i propri dati bancari via sms, mail, telefono o altri sistemi che non siano app e siti ufficiali.

consigli antitruffe bancarie