Quantcast

Lettere al direttore

Francesca Ragusa e Francesca Varca rimettono le deleghe al Presidente della Provincia di Asti

Riceviamo e pubblichiamo la comunicazione fatta durante il consiglio provinciale odierno con la quale Francesca Ragusa e Francesca Varca rimettono le deleghe al Presidente della Provincia.


Dopo attenta e ponderata valutazione riteniamo doveroso rimettere le deleghe in capo al Presidente della Provincia Paolo Lanfranco, per dovere istituzionale considerate alcune sue recenti prese di posizione.

Sono mesi infatti che non vengono condivise le scelte fatte dal Presidente, di cui per altro di alcune non se ne capisce neanche la ratio.

Pur volendo trascurare l’incongruenza della nomina a Vice Presidente di un collega che a breve lascerà l’Ente per causa elettorale, non si può ulteriormente sorvolare sulla mera formalità delle deleghe che i consiglieri ricoprono. Raramente informati e consultati, pur anche per le proprie competenze, riteniamo che il lavoro svolto non venga riconosciuto e tantomeno valorizzato.

Ricordiamo ancora, per quanti fossero scevri dalle politiche di palazzo, che nonostante fossero stati presi accordi per garantire giusti equilibri, non solo di partito e di rappresentanza, ma anche di genere, questi siano stati più volte disattesi facendo perdere all’Istituzione Provincia una bella occasione sia di garanzia che di rispetto del lavoro altrui.

Sottolineiamo inoltre come il Presidente sia il primo a mettere in pratica quel modus operandi da lui tanto inviso, ovvero il dover leggere dai giornali o comunicati notizie non riferitegli nei giusti tempi e modi, poiché, se non si richiedono informazioni in merito alle scelte fatte, spesso non se ne conoscono risvolti politici, istituzionali e men che meno pratici.

Come premesso, rimettiamo quindi le deleghe ormai solo più formali, mantenendo comunque l’ impegno costante e quotidiano nell’Ente Provincia in qualità di Consiglieri e ringraziando tutti gli uffici per il lavoro egregiamente svolto, talvolta anche ben più del dovuto.

Francesca Ragusa
Francesca Varca