Quantcast

Camera di Commercio Alessandria-Asti, vendemmia 2021: i prezzi all’ingrosso delle uve

L’annata vendemmiale 2021 si rivela molto positiva, sia sotto il profilo della qualità, sia per quanto riguarda le quotazioni, le quali evidenziano un trend in crescita rispetto all’anno precedente pressoché per tutti i vitigni, con punte che in alcuni casi superano il 20%.

E’ quanto emerge dalla Commissione prezzi della Camera di Commercio di Alessandria-Asti con riferimento alle produzioni della provincia di Asti.

Secondo il listino approvato dalla Commissione sulla base delle contrattazioni avvenute, l’incremento di prezzo più significativo si riscontra per le uve Barbera che registra quotazioni medie che vanno da 0,80 euro il kg nel caso del Piemonte Barbera (+33% rispetto all’anno precedente) fino ad un massimo di € 1,325/kg per le uve selezionate e diradate di Barbera d’Asti (+13%), per le uve Chardonnay bianco, quotate da 0,75 a 0,90 euro/kg, con un incremento medio del 27%, per la Malvasia (da 0,80 a 0,95 euro/kg, in media +25%), per il Grignolino (da 0,70 a 1,00 euro/kg, +25% all’incirca).

Seguono, con aumenti di prezzo più contenuti, le uve Dolcetto quotate da 0,60 a 0,80 euro/kg (incremento medio rispetto all’anno precedente intorno al 17%), il Pinot nero e bianco per vinificazione delle tipologie Piemonte DOC (da 0,70 a 0,90 euro/kg, +14%), il Ruché di Castagnole Monferrato (da 1,40 a 1,70 euro/kg, +11%), l’Arneis (da 0,80 a 1,00 euro/kg, +9%), il Cortese dell’Alto Monferrato (da 0,60 a 0,70 euro/kg, +8%), l’uva Nebbiolo destinata alla produzione del Terre Alfieri DOC (da 1,05 a 1,40 euro/kg, + 6,5%), la Freisa (da 0,75 a 0,95 euro/kg, +6%), la Bonarda (da 0,80 a 0,95 euro/kg, +6%).

Per quanto riguarda il Moscato, le uve destinate a Moscato DOCG sono quotate da 1,10 a 1,20 euro/kg (incremento medio del 6,5%), quelle destinate a Piemonte Moscato DOC, con un prezzo compreso tra 0,75 a 0,85 euro/kg, registrano un incremento intorno al 14%.

Infine le uve Chardonnay e Pinot nero destinate ad Alta Langa DOC sono quotate da 1,20 a 1,40 euro/kg (+8% rispetto all’annata precedente).

Si mantiene stazionario il Brachetto il cui prezzo va da un minimo 0,75 euro/kg per le uve destinate a Piemonte Brachetto DOC ad un massimo di € 1,15 per le uve destinate a Brachetto d’Acqui DOCG, tappo raso.

“Siamo di fronte ad un’annata eccezionale sul piano qualitativo. Dal punto di vista quantitativo, invece, alcune zone scontano problematiche collegate al clima poco favorevole: gelate, grandine, siccità – afferma Ezio Gerbi, componente della Commissione prezzi in rappresentanza delle cantine sociali – In ogni caso il meticoloso e attento lavoro in vigna ha permesso di contenere i danni provocati dalle avversità climatiche”.

“I dati Istat sull’export del primo semestre 2021 hanno evidenziato una crescita della domanda di vini e distillati sui mercati esteri – sottolinea Luca Arione, rappresentante dell’Unione Industriale – Visto il positivo andamento della vendemmia ci aspettiamo vini d’eccellenza che auspichiamo vengano apprezzati non soltanto in Italia ma anche all’estero, così da incrementare il volume delle esportazioni”.

Di seguito le –> QUOTAZIONI UVE DA VINO VENDEMMIA 2021