Quantcast

Villanova d’Asti verso l’adozione delle varianti al Piano Regolatore

Allargamento delle strade verso San Paolo, ampliamento dell’area di manovra nei pressi dell’isola ecologica, due aree di servizio vicino alle Torri Bisocche.

Queste sono alcune delle modifiche che l’Amministrazione Comunale di Villanova d’Asti, con il consiglio comunale del 29 luglio scorso, ha adottato per il progetto preliminare di Variante al piano regolatore. Prima di poter avere il progetto definitivo il documento dovrà rimanere pubblicato per sessanta giorni: sarà poi convocato il secondo ciclo della conferenza di co-pianificazione alla fine della quale si potrà procedere all’approvazione definitiva.

“E’ un impegno che ha coinvolto il responsabile dell’edilizia privato, gli amministratori e professionisti esterni da circa due anni – dichiara il sindaco Christian Giordano – La variante al Piano Regolatore prevede una serie di elementi importanti per lo sviluppo del paese”. Tra queste: la previsione di allargamento delle strade verso San Paolo, sia a partire dal capoluogo che dalla frazione Stazione; la previsione di ampliamento della area di manovra nell’area dove è posta l’isola ecologica; due aree a servizio nei pressi delle Torri Bisocche con l’obiettivo di poterle illuminare ed eventualmente creare una area di sosta. Attenzione anche al mondo industriale con la possibilità di prevedere un’altezza di 16 metri tra il pavimento ed il soffitto anche al fine di favorire eventuali insediamenti di azienda logistiche.

“Sono state poi valutate le controdeduzioni arrivate da alcuni privati ed una associazione di categoria – precisa ancora il primo cittadino – Sono state accolte alcune richieste di eliminazione di aree edificabili, elemento che ridurrà leggermente il gettito Imu”.

“Il consumo di suolo è in riduzione. Benchè l’Amministrazione Comunale possa avere un ampliamento decennale – entra nel merito Giordano – a partire dal 2015 e fino al 2025, si rimarrà molto distanti da quel livello anche per via della crisi dell’edilizia e delle nuove dinamiche, assolutamente condivisibili, che spingono verso le ristrutturazioni edilizie con un occhio agli efficientamenti energetici, anche grazie ai fondi stanziati dal Governo”.

“E’ stato l’ennesimo sforzo intrapreso dall’Amministrazione Comunale in un’ottica di efficacia, efficienza e celerità di risposta ai cittadini – conclude il sindaco – L’altra variante era stata approvata nel 2015 ed essere a buon punto, a distanza di 6 anni, per l’approvazione definitiva che presumibilmente avverrà alla fine dell’inverno, è la dimostrazione dell’impegno profuso”.

Chiunque può prendere visione del progetto preliminare nell’atrio d’ingresso agli uffici nei giorni di apertura, dal lunedì al venerdì dalle 8:30 alle 13, il martedì e giovedì dalle 15 alle 18, e fino al 1° ottobre 2021. Inoltre tutta la documentazione adottata dal Consiglio Comunale è visibile e scaricabile dalla home page del sito web del Comune nella pagina “Albo pretorio online” nella sezione “Trasparenza _ Pianif- governo del territorio“.
Fino al 1° ottobre 2021 chiunque può presentare osservazioni e proposte di pubblico interesse.