Quantcast

Trading online: come scegliere un broker affidabile

Più informazioni su

Un numero crescente di italiani ha cambiato il proprio approccio al mondo finanziario nel corso degli ultimi anni: allo sportello bancario, oneroso e in qualche caso, seppur sparuto, poco competente, viene preferito il trading online, ossia effettuare operazioni di compravendita nei mercati finanziari sfruttando pc, smartphone o tablet.

L’avvento della pandemia, in tal senso, ha dato l’accelerata definitiva ad un processo che, in realtà, era in corso da svariato tempo, con una migrazione costante e progressiva di risparmiatori verso la fruizione della rete telematica anche in ambito finanziario. Un numero, meglio di altri, testimonia come il fenomeno sia in costante crescita: gli operatori finanziari autorizzati dalla CONSOB sono aumentati di quasi il 90%.

Prima di tutto, sicurezza

L’offerta a disposizione degli utenti finanziari, quindi, è diventata più ampia e variegata, ma al tempo stesso richiede maggiore oculatezza ed attenzione quando si decide di fare trading online. Anche il mondo finanziario, al pari di qualsiasi altro settore che fornisce servizi o produce beni, è esposto al rischio di truffe o professionalità approssimativa.

Nonostante negli ultimi anni le operazioni truffaldine siano in netto calo, non bisogna abbassare la soglia di attenzione, affidandosi esclusivamente a chi fornisce ampie garanzie ai risparmiatori. È estremamente importante, in tal senso, affidarsi solo ed esclusivamente a quegli operatori che hanno ricevuto tutte le dovute autorizzazioni legislative ed operino nel pieno rispetto della normativa vigente.

Per quanto riguarda la nostra nazione, gli operatori finanziari qualificati devono disporre di tutte le dovute autorizzazioni rilasciate dalla già citata CONSOB, l’organo di vigilanza nazionale dei mercati a tutela dei risparmiatori, che dovrebbero essere presenti sul portale finanziario: per una maggiore sicurezza, si può verificare la serietà del sito collegandosi direttamente sul sito dell’organo di vigilanza.

La sicurezza, d’altro canto, è un aspetto ricercato in svariati ambiti. E anche quello finanziario non fa difetto. I siti che prospettano guadagni eccezionali senza correre alcun rischio, sono accuratamente da evitare. In una fase come quella attuale, dominata dai tassi negativi imposti dalla Banca Centrale Europea per arginare la crisi economica del Vecchio Continente, la rivalutazione del capitale comporta, giocoforza, l’accettazione di un po’ di rischio, seppur minimo.

Conto demo, la via maestra per comprendere la piattaforma o imparare a fare trading

Oltre alla serietà del broker, altri aspetti devono essere valutati adeguatamente nella scelta. È di fondamentale importanza, ad esempio, che consenta al trader di poter prendere dimestichezza con la propria piattaforma tramite i cosiddetti “conto demo”. Essi danno modo ai più esperti di verificare la “bontà” del sito e a chi ha è alle prime armi col trading, invece, di cimentarsi nel mondo finanziario senza correre alcun rischio.

Questi emulatori, infatti, non prevedono che l’utente utilizzi denaro proprio, tutt’al più potrebbe essere richiesto un piccolo versamento iniziale per l’apertura del conto trading, che si può sempre svincolare qualora si decidesse di chiuderlo. Durante l’attività di trading verranno utilizzati dei “crediti virtuali”, che il trader, esperto o neofita che sia, deciderà di investire nei titoli ed asset che riterrà opportuni.

Un’altra importante voce in capitolo, poi, riguarda i costi. Quando si opera nel mondo del trading online la voce tenuta in maggior considerazione è quella relativa alle commissioni. Ogni transazione finanziaria, infatti, prevede l’applicazione di un costo parametrato, in termini percentuali, al valore dell’operazione eseguita. Questo costo, spesso, è assai variabile, anche se – in base ad un recente studio – la commissione media applicata è pari allo 0,18%

Infine, è decisamente importante che la piattaforma di trading sia agile, snella e di facile utilizzo per qualunque trader, oltre a disporre di una sezione dedicata alle notizie e alle “view” sui mercati, capisaldi indispensabili per cercare di orientarsi verso rendimenti profittevoli.

Più informazioni su