Quantcast

Nizza, si profila una corsa a due sotto il campanon

Si profila per ora una corsa a due quella che si terrà sotto il Campanon per le elezioni comunali che si terranno il 3 e il 4 ottobre prossimo.

A ricandidarsi c’è Simone Nosenzo, sindaco uscente, che si ricandiderà con un’ampia coalizione di centrodestra espressione dell’Amministrazione uscente.
Contro di lui, per ora, Laura Grasso, architetto, sostenuta da “Nizza Futura”, lista civica di centrosinistra.

Tante, invece, le assenze illustri in una città che storicamente ha espresso diverse candidature da diverse anime politiche.
Non arrivata, ad oggi, una proposta da parte del Movimento 5 Stelle: ormai certa la non partecipazione alla competizione elettorale, si discute se e in che modo il Movimento possa appoggiare il centrosinistra sulla scorta di quanto avviene a livello nazionale.

Non c’è notizia, per ora, anche di due esponenti di area centrodestra che in un primo momento avrebbero potuto gareggiare da soli: parliamo di Pietro Braggio, già candidato nel 2016, e Pietro Balestrino, ex assessore ai lavori pubblici. Per Braggio si profila un appoggio alla candidatura di Nosenzo, mentre Balestrino ha dichiarato che non appoggerà la candidatura dell’attuale sindaco, ma, in caso di mancata candidatura (entro mercoledì sera dovrebbe arrivare la decisione finale), farà opposizione.
Non parteciperà neanche un protagonista storico della vita politica nicese, Maurizio Carcione, progetto Polis, che ha annunciato il ritiro dalla vita amministrativa cittadina.

Il termine per presentare liste e candidature è mezzogiorno di sabato 4 settembre.