Quantcast

Lo spettacolo teatrale “Tempesta 1944-45. Nino racconta la Resistenza” a Castelnuovo don Bosco

Nell'ambito del festival teatrale "Basta che siate giovani perchè io vi ami  assai - Teatro dal nord al sud dell'astigiano"

Il Comune di Castelnuovo Don Bosco ripropone per il settimo anno, il festival teatrale “Basta che siate giovani perchè io vi ami  assai – Teatro dal nord al sud dell’astigiano”. La rassegna teatrale è ispirata a San Giovanni Bosco e ha come elemento comune degli spettacoli dal vivo la gioia della rinascita.
In calendario spettacoli fino al 5 settembre, dislocati nell’Astigiano in luoghi suggestivi come Cortazzone, ormai partner assai attivo del festival, già dallo scorso anno è diventata un vero e proprio appuntamento della provincia di Asti.

Venerdì 27 agosto, alle 21.30 nel Centro Socio-Culturale (Ala) di Castelnuovo Don Bosco è in programma l’incontro “Tempesta 1944-45, Nino racconta la Resistenza di Mario Costa”. Produzione Associazione culturale Marco Gobetti, promosso da Consiglio Regionale del Piemonte – Comitato per l’affermazione dei valori della Resistenza e dei principi della Costituzione repubblicana

Nino e Mario Costa, padre e figlio, sono seppelliti uno accanto all’altro nel cimitero di Ciriè. Mario, partigiano in Val Chisone, il 2 agosto 1944 assalta armato di bombe a mano un fortino occupato dal nemico durante la tremenda battaglia sul monte Génévris, nel territorio di Pragelato: colpito alla fronte, muore sul colpo, all’età di 19 anni. Nino Costa, poeta, fra i maggiori esponenti della letteratura piemontese, nell’ultima sua raccolta, “Tempesta”, evoca la Seconda guerra mondiale, con l’interruzione della pace, il crollo delle illusioni e le speranze tradite; la paura durante i bombardamenti, la risorsa – per lui preziosa – della fede religiosa di fronte al pericolo e alle avversità, l’antifascismo e la nascita della Resistenza.
La drammaturgia dello spettacolo fa leva sull’aspetto “popolare alto” della poesia di Nino Costa, valorizzandone la musicalità originale della lingua e l’essenzialità sapiente del narrato. Si ricerca un uso contemporaneo della lingua piemontese: anche tramite il meccanismo della traduzione, intesa nel suo senso più lato e variamente declinata attraverso la recitazione, la musica, il canto e l’utilizzo dell’immagine. I versi del poeta, provenienti soprattutto dalla raccolta “Tempesta”, sono alternati alla narrazione della guerra e della Resistenza.

Saranno previste misure di prevenzione e mitigazione del rischio di diffusione del virus SARS-CoV-2. Secondo il nuovo provvedimento governativo anti Covid-19 dello scorso 6 agosto, per andare ai concerti e assistere a spettacoli di musica dal vivo, è necessario essere in possesso del Green Pass, che si può ottenere dopo aver fatto il vaccino, un tampone con risultato negativo oppure dopo essere guariti dal Covid.