Quantcast

Sempre più diffusa la tecnologia RFID tra le aziende: ecco come funziona

Più informazioni su

Secondo quanto emerge dai dati di uno studio presentato dall’Università di Leicester, le aziende del settore retail e logistico, stanno implementando sempre più la tecnologia RFID all’interno dei loro processi aziendali. La ricerca ha messo in luce quanto le società, dopo il primo utilizzo di tale funzionalità, ne ricerchino ulteriori utilizzi, rimanendo positivamente impressionate dal notevole impatto che questa avrebbe sia dal punto di vista del risparmio dei costi, sia in un’ottica di snellimento delle procedure. Lo studio, quindi, evidenzia quanto la tecnologia RFID abbia apportato numerosi vantaggi in diversi contesti: da una gestione più accurata dell’inventario fisico a una raccolta di dati capillare, i lati positivi che sono emersi risultano numerosi.

Capire come funziona la tecnologia rfid è importante per conoscere i vantaggi di cui un’azienda può beneficiare se sceglie di utilizzare questa tecnologica. L’acronimo sta per Radio-Frequency Identification Device ed indica un complesso di soluzioni ibride che comprende sia componenti hardware che software, e che consente di raccogliere informazioni e dati in modo pressoché immediato, per poi scambiarlo con altri device. Trova applicazione in numerosi campi, fra cui il settore della logistica, quello del retail e l’ambito industriale. In generale, essa consente una gestione snella ed efficiente delle varie operazioni che caratterizzano questi comparti, ponendosi come uno strumento significativo per abbattere i costi di controllo e quelli logistici; inoltre, grazie alla tecnologia RFID, l’azienda può praticamente gestire la supply chain totalmente a distanza.

Come funziona la tecnologia RFID

Un’azienda che utilizza la tecnologia RFID è in grado di identificare, tracciare e memorizzare in maniera totalmente automatizzata e istantanea i prodotti. Attraverso l’utilizzo di un lettore hardware, infatti, si riesce a identificare digitalmente un articolo e, in qualsiasi momento, è possibile sia tracciarlo sia leggerlo oppure apporre su di esso dei dati aggiuntivi. Ciò si traduce in una gestione dettagliata e snella di tutte le fasi della supply chain, infatti gli operatori possono anche seguire l’avanzamento del processo da remoto ed effettuare delle modifiche. Si tratta di un’innovazione introdotta già a partire dagli anni’40 e ’50, quando i primi studi sulla radiofrequenza vennero applicati al mondo aziendale, tuttavia, essa ha trovato un utilizzo concreto intorno agli anni ’80. Il brevetto è per uso aziendale è, infatti del 1983, ed è proprio a partire da quell’anno che la tecnologia RFID ha cominciato a diffondersi sempre più rapidamente fra le imprese.

La tecnologia RFID sfrutta un sistema identificativo basato sulle radio frequenze e fa perno essenzialmente su due componenti, l’RFID tag e l’RIF reader, ovvero il lettore RIFD. E’ proprio grazie alla sinergia tra queste due anime che riesce e verificarsi la trasmissione istantanea, automatica, precisa e sicura di dati relativi non solo a merci statiche, ma anche esseri viventi in movimento, come, ad esempio, gli animali o le persone. Oltre a queste importanti caratteristiche, un ulteriore grande vantaggio è rappresentato dal fatto che il sistema RFID è compatibile con i software gestionali. Ciò significa che è possibile inserire in modo digitale ed immediato i dati che vengono rilevati attraverso il lettore, potendo disporre di tutta una serie di informazioni in tempo reale. Ciò risulta particolarmente importante soprattutto quando la produzione è decentralizzata in quanto consente di monitorare sul momento lo stato di avanzamento del ciclo produttivo.

Per quanto riguarda il settore della logistica, la tecnologia RFID è ampiamente utilizzata per gestire il magazzino in maniera automatizzata e per fare l’inventario con lo stesso procedimento; inoltre, è utile perché identifica gli articoli uno per uno in modo univoco abbattendo la possibilità di errori. Nell’ambito retail, invece, risulta essenziale per numerose attività, fra cui la gestione delle spedizioni e dei resi, l’inventario automatizzato e la raccolta di informazioni.

Più informazioni su