Quantcast

Lettere al direttore

Massimo Cerruti: “Si vogliono creare disparità di trattamento da distinguere fra Esercenti di Serie A e di Serie B?”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa di Massimo Cerruti del Movimento 5 Stelle Asti.


L’organizzazione di fiere ed eventi nel rispetto delle regole di sicurezza è senza dubbio molto importante per gli esercenti di Asti, ancora di più in questo periodo di estrema difficoltà.
Sarebbe pertanto necessario tenere in considerazione un po’ tutte le zone della città e delle frazioni, rivitalizzando a turno tutte le vie, le piazze, i quartieri senza lasciare indietro nessuno dei bar, ristoranti, negozi che hanno bisogno come il pane di richiamare un po’ di gente nelle loro vicinanze.

Purtroppo non sembra vada proprio così per questa Amministrazione.
Nel caso ad esempio della Fiera di Mezza Estate di domenica prossima 18 luglio composta da 300 bancarelle alcuni esercenti lamentano il fatto che l’organizzazione arrivi in corso Alfieri solo fino in corrispondenza di Via Rossini senza proseguire con poco sforzo di qualche metro e comprendere altri esercizi pubblici.

Riceviamo diverse istanze di cittadini che di fronte a queste legittime problematiche sono disperati e nonostante diverse richieste non vengono ascoltati, nemmeno ricevuti se non a seguito di formali richieste di appuntamento con Sindaco ed Assessore al Commercio cui seguono mancate risposte o riscontri in tempi non compatibili.
Dopo la querelle dei banchi dei mercati gestita male e finita peggio ora anche tra gli esercenti dei negozi, bar, ristoranti e negozi si vogliono creare anche fra loro disparità di trattamento tali da distinguerli fra Esercenti di Serie A e di Serie B?
Chiediamo a chi ha le leve del potere un maggiore sforzo di comprensione e la volontà di prendere decisioni a favore di tutti e non solo di qualcuno.