Quantcast

Turismo e ambiente, viaggio studio per giovani amministratori locali a San Marzano Oliveto, Moasca, Canelli e Cassinasco

Mercoledì 9 giugno è iniziato il primo viaggio studio a San Marzano Oliveto, realizzato all’interno del progetto “Il mio territorio”. I giovani amministratori, al di sotto dei 35 anni o quelli di nuova nomina, partecipando alla formazione della Provincia di Asti – Ufficio Politiche Giovanili – hanno anche potuto partecipare al concorso. I migliori tre elaborati, scelti dal direttore dell’Ente Turismo Langhe Roero e Monferrato Mauro Carbone, hanno visto concretamente la realizzazione del progetto proposto ovvero un viaggio studio presso i Comuni vincitori.

“Importanti questi incontri di condivisione e conoscenza non solo per i partecipanti – sottolinea il presidente della Provincia Paolo Lanfranco – ma per tutto il territorio. Un momento importante, in cui le istituzioni si trovano a collaborare tra di loro per realizzare progetti concreti, accedendo congiuntamente a bandi, senza disperdere le risorse assegnate”.

Il viaggio studio è iniziato nel Parco del Monte Oliveto a San Marzano Oliveto, dove il sindaco, nonché presidente dell’enoteca regionale di Canelli, Giovanni Scagliola, ha accolto ed accompagnato il gruppo nel comune astigiano, descrivendo la storia del paese, del castello e delle torri. Tappa successiva a Moasca, ricevuti dal sindaco Andrea Ghignone, che ne ha illustrato la storia con relativa visita al castello. Il gruppo si è poi trasferito a Canelli accolti dal sindaco Paolo Lanzavecchia: si è visitato il Borgo di Villanuova, il Belvedere e disceso l’antica Sternja – strada antica della cittadina – per far visita alle storiche e note cattedrali sotterranee di Bosca e di Coppo.
Il direttore dell’Ente Turismo Carbone ha svolto la lezione – molto seguita e gradita – sul tema “Green. Come colorare il turismo con le sfumature del futuro”

Il viaggio è poi proseguito per Cassinasco, accompagnati dal sindaco Sergio Primosig, che con un brindisi finale, ha congedato i partecipanti ricordando loro l’appuntamento a Ferrere del 2 luglio.