Quantcast

Interessante esperienza di continuità didattica alla primaria di Gabiano

Può una piantina di pomodoro aprire il cassetto dei ricordi e far nascere un’opportunità d’incontro tra gli alunni della primaria e i bambini dell’infanzia di Gabiano? Ebbene sì!!! Grazie ad un piccolo semino, nel primo pomeriggio di uno degli ultimi giorni di scuola i bambini si sono ritrovati in cortile per “un po’ di continuità” e fare così festa a Federico, che l’anno prossimo salirà ai piani superiori.

Ma cosa centrerà mai una piantina di pomodoro in tutto questo? “Benvenuto pomodoro!” è la storia che gli alunni di quarta si ricordavano di aver trattato nel loro ultimo anno alla scuola dell’infanzia. Allora, quale migliore occasione di metterla in scena e raccontarla ai bambini piccoli, con la collaborazione degli alunni di prima e seconda!!
I piccoli naturalmente hanno voluto ricambiare questo regalo cantando due canzoncine attinenti al tema della crescita e dell’accudimento.

Ma non è finita qui: alla consegna del diploma di passaggio, alcuni alunni si sono prodigati nel dare a Federico vari consigli di come poter affrontare al meglio l’inizio di questa sua nuova avventura, dispensando anche ragguagli sui cambiamenti che avrebbe incontrato.
Nello stesso tempo ci tenevano tutti a voler raccontare quali erano i loro ricordi risalenti alla scuola dell’infanzia.

Prima dei saluti finali, i bimbi dell’infanzia hanno donato agli alunni della primaria e a Federico una piantina di pomodoro da portare a casa, trapiantare e farla crescere, con la promessa di documentare con foto i suoi prodotti. Infine, foto di gruppo, con un arrivederci a presto.
Grazie a questi ragazzi, per aver ricordato con l’esempio una delle famose frasi di Maria Montessori rivolta agli adulti “Seminate nei bambini buone idee perché, anche se oggi non le comprenderanno, sapranno un giorno farle fiorire.”
Quel semino piantato durante gli anni della scuola dell’infanzia ha dato i suoi frutti e in questa giornata altri piccoli ne hanno potuto godere.