Quantcast

Asti mette le eccellenze del territorio in primo piano nell’Eductour per le agenzie di viaggio

Martedì 22 giugno, 25 operatori di Piemonte, Lombardia e Liguria, hanno passato una giornata tra il meglio di arte cultura e sapori dell’astigiano per l’iniziativa promossa da Fiavet, organizzata da Stat Viaggi e i Viaggi di Gabri & Max.

Asti e il suo territorio hanno mostrato davvero il meglio di sé martedì 22 giugno, in termini di arte, cultura, accoglienza e naturalmente sapori. L’occasione era importante: i rappresentanti di 25 agenzie di viaggio di Piemonte, Lombardia e Liguria hanno visitato in modo dettagliato la città e i suoi dintorni. Un eductour (tour + educational) promosso da FIAVET Piemonte (Federazione Italiana Associazioni Imprese Viaggi e Turismo del Regione Piemonte), che servirà per preparare altri viaggi: quelli che porteranno i loro clienti a visitare questo angolo di Piemonte. Quest’anno infatti sarà estremamente propizio per il “turismo di prossimità” che vede gli italiani preferire località nazionali lontane dal turismo di massa degli anni passati. Città come Asti e il suo territorio sono le mete ideali.

Per l’occasione l’organizzazione, affidata alle agenzie STAT Viaggi, la filiale astigiana del Gruppo Stat da oltre 10 anni in città, e i Viaggi di Gabri & Max, ha mobilitato un pool di realtà di eccellenza del territorio, non solo luoghi di ristoro, ma anche produttori, aziende, affiancate dalle stesse istituzioni. Il tour ha visto il patrocinio e la collaborazione attiva di Comune di Asti, ATL di Asti e Provincia di Asti, mentre il vettore astigiano ASP ha messo a disposizione un moderno autobus Gran Turismo per gli spostamenti e la Fondazione Asti Musei ha accolto nei suoi spazi gli ospiti accompagnati dal Dott. Andrea Rocco. Le visite sono state organizzate in collaborazione con Booking Piemonte, Itineraria Torino e Italian Wine Travels.

Il tour è partito al mattino dal Bar Cocchi per una colazione di benvenuto, a cui hanno contribuito i prodotti più famosi degli storici panifici e pasticcerie della città di Asti: la pasticceria mignon della Pasticceria Mighetto, i bijoux della Pasticceria Caffetteria Ferretti, i croissant del laboratorio Italo Stradella e la focaccia del Panificio Paterna.

Poi sotto la guida della Dott.ssa Martina Doglio Cotto di ATL Asti, gli operatori hanno prima visitato il Complesso Monumentale di San Pietro in Consavia, con la visita al battistero, e sono saliti alla Certosa di Valmanera visitando anche l’Arazzeria Scassa, una delle più importanti del mondo, e il piccolo borgo di Viatosto per un aperi-pranzo nella suggestiva terrazza della Trattoria Madama Lela con degustazione di Ruchè di Castagnole Lanze della centenaria Cantina Ferraris. Pomeriggio dedicato alla passeggiata nel centro storico con visita a tutti i monumenti principali: Duomo, Cripta di S. Anastasio, Palazzo Ottolenghi, Palazzo Mazzetti, fino ad arrivare al Bar lo Stregatto, in Piazza San Secondo, per un secondo aperitivo accompagnato dai vini del Consorzio dell’Asti Docg e una degustazione dei prodotti della storica Azienda Davide Barbero. La giornata si è conclusa a Canelli con una visita guidata alle cantine Bosca, vere Cattedrali del Vino, patrimonio UNESCO.

Proprio la pausa pomeridiana in Piazza San Secondo si è trasformata in un importante momento di incontro tra gli organizzatori e le istituzioni. Sono intervenuti, infatti, il presidente della Provincia Paolo Lanfranco, Il sindaco di Asti Maurizio Rasero insieme agli assessori al turismo Loretta Bologna e alla cultura Gianfranco Imerito, il presidente della Fondazione Asti Musei Mario Sacco, il Vice Presidente di ASP Giancarlo Vanzino, la presidente di UNPLI Asti Luisella Braghero e la direttrice marketing dell’ATL Langhe Monferrato Roero Flavia Fagotto in rappresentanza del presidente Luigi Barbero e Claudio Bruno, Direttore Ascom-Confcommercio, Asti

Vorrei ringraziare la città di Asti che ci ha accolto per questa giornata di formazione e promozione attraverso il supporto delle istituzioni. – ha esordito Gabriella Aires, Presidente di Fiavet Piemonte aprendo l’incontro – Abbiamo creato questo eductour a Maggio coinvolgendo i commercianti in un’ottica di superare la crisi insieme e prepararci per la ripartenza. E oggi gli esercenti di Asti ci hanno accolti a braccia aperte”. La presidente ha concluso ringraziando tutti gli organizzatori e gli attori dell’Eductour in particolare le guide GIA (Associazione Guide Interpreti ed Accompagnatori Turistici , aderenti Confcommercio) del Piemonte presenti con Roberto Boselli: “Insieme vogliamo rimarcare la professionalità e l’attenzione alla legalità di ogni aspetto della nostra attività”.

Quello che vi è stato offerto arriva non da una singola voce ma da un sistema che fa squadra per far vincere questo territorio. – ha ribadito il sindaco Rasero condividendo il suo pensiero con l’assessore Loretta BolognaSul turismo il Comune di Asti ha fatto scelte epocali di sistema in questi anni. Iniziative concertate con tutte le istituzioni del territorio, ad esempio fondendo la nostra ATL con quella di Alba e Bra, per dare un’offerta ancora più diversificata, e la nascita della Fondazione Asti Musei. Asti non è più una città a cui dedicare mezza giornata, magari come tappa intermedia verso Torino, ad Asti c’è il centro medioevale più grande di tutto il Piemonte, è una città dove ci si può fermare più giorni e da cui partire per esplorare le colline patrimonio UNESCO”.

Flavia Fagotto Direttrice marketing ATL: “Stiamo ripartendo, sono stati mesi difficilissimi per mantenere vivo il nome di Langhe, Monferrato, Roero nel mercato italiano e internazionale, quindi un grosso in bocca al lupo a tutti, noi vi daremo tutta l’assistenza possibile per permettervi di fare il vostro lavoro”.

A questi si aggiunge il saluto portato in mattinata da Giancarlo Vanzino, Vice Presidente ASP: “State viaggiando a bordo di un moderno ed ecologico autobus Gran Turismo e la nostra azienda mette a disposizione degli operatori di settore una flotta di autobus da 16 a 87 posti. Autobus di ultima generazione espressione di un’azienda attenta alla sicurezza, al comfort che porta il nome di Asti sulle strade d’Italia e dell’Europa”.