Quantcast

“Una mamma contro le barriere”: la videointervista di Samuele Bosco a Giulia Beltrami

In occasione della festa della mamma, Samuele Bosco, in qualità di Messaggero di FIABA Onlus, ha intervistato Giulia Beltrami, mamma, prof e, come si definisce lei, “problem solver” (come Mr Wolf di Tarantino… ma in versione femminile!)

Giulia, ha 47 anni, due figli (Alice e Dante), un compagno e due cani. Insegna Storia dell’Arte e Robotica in un liceo scientifico a Valenza, in provincia di Alessandria.

Mi chiamano Mrs Wolf, perchè (quando posso) cerco di trovare soluzioni alternative ai problemi che si incontrano In generale, non amo le persone che intenzionalmente creano problemi o complicano le situazioni oppure che si lamentano. Mi piace affrontare le situazioni con spirito costruttivo e se possibile positivo. Questo atteggiamento nei confronti della vita l’ho imparato da mia figlia Alice, che è gravemente disabile. Alice ha 14 anni ( a settembre ne avrà 15) ed ha una disabilità sia motoria che cognitiva, dalla nascita. quando è nata aspettavo due gemelle, ma la sorellina (Chiara) è mancata subito alla nascita, mentre Alice ha vissuto per 4 mesi in un’incubatrice, in Rianimazione all’ospedale infantile di Alessandria.

Sono stati 4 mesi intensi, talvolta quasi surreali, per chè Alice era nel reparto di rianimazione e quindi per andarla a trovare (solo per 1 ora al giorno) dovevamo vestirci con camice, cuffia, calzari e seguire tutto il protocollo di sanificazione…
In quel periodo io stavo prendendo l’abilitazione all’insegnamento (era il 2006)” dichiara Giulia Beltrami.

“Ho voluto intervistare Giulia, in occasione della festa della mamma e spero che possa essere di aiuto a tutte quelle mamme che si trovano nella sua stessa situazione” spiega Samuele Bosco.

Di seguito la videointervista