Quantcast

“Per chi solidarizza con il terrorismo palestinese porte chiuse d’ora innanzi al Comune di Asti”

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato stampa dell’Associazione Italia-Israele in merito all’approvazione del Consiglio Comunale della definizione operativa di antisemitismo formulata dall’IHRA.


L’Associazione Italia Israele ringrazia la maggioranza del Consiglio Comunale di Asti che durante l’ultima seduta ha adottato la definizione operativa di antisemitismo formulata dall’IHRA (International Holocaust Remembrance Alliance), come proposto dalla stessa Associazione il 27 gennaio scorso, in occasione della Giornata della Memoria.
Un particolare ringraziamento l’Associazione rivolge al sindaco di Asti, Maurizio Rasero, al presidente del Consiglio Comunale, Walter Rizzo, e al presidente della Commissione Cultura, Paride Candelaresi, il cui impegno è stato essenziale per giungere all’approvazione del documento.

La definizione di antisemitismo adottata è la seguente: “L’antisemitismo è una certa percezione degli ebrei che può essere espressa come odio per gli ebrei. Manifestazioni di antisemitismo verbali e fisiche sono dirette verso gli ebrei o i non ebrei e/o alle loro proprietà, verso istituzioni comunitarie ebraiche ed edifici utilizzati per il culto”.

E’ molto importante che il documento approvato – afferma l’avvocato Luigi Florio, presidente dell’Associazione Italia Israele – impegni il Comune di Asti, come da noi proposto, << a non finanziare in alcun modo organizzazioni che a vario titolo si ispirano all’antisemitismo o contestano il diritto di esistere dello Stato di Israele>>; ciò significa – prosegue Florioche chi ad esempio sostiene organizzazioni come Hamas o Hezbollah, che si prefiggono la distruzione di Israele, non potrà d’ora innanzi richiedere alcun tipo di collaborazione al Comune di Asti e agli altri enti come la Regione Liguria e presto, credo, la Regione Piemonte – che adottano la suddetta definizione”.
Florio ha fatto sapere di avere richiesto all’ambasciata di Israele a Roma di far giungere la solidarietà dell’Associazione astigiana agli abitanti di a Ma’alot Tarshiha, città gemella di Asti sita nella parte settentrionale di Israele, continuamente sotto minaccia dei missili lanciati dal sud del Libano dalle milizie islamiche di Hezbollah.