Quantcast

Il Museo Arti e Mestieri di un Tempo di Cisterna d’Asti partecipa al progetto “L’arte con chi ne fa parte”

L’atteso momento della riapertura dei luoghi dedicati alla cultura è un’occasione da festeggiare insieme ai suoi protagonisti. L’arte con chi ne fa parte è il progetto multipiattaforma di Abbonamento Musei che dal 18 maggio 2021 porta il pubblico alla scoperta delle collezioni dei musei piemontesi e valdostani, con occhi nuovi: saranno infatti i fondatori, i primi collezionisti e addirittura le opere stesse a condurre i visitatori lungo i percorsi, che prenderanno vita attraverso la voce e le conoscenze delle guide.

I musei coinvolti sono circa quaranta, tra questi il Museo Arti e Mestieri di un Tempo di Cisterna d’Asti in aggiunta agli altri annunciati come: Fondazione Accorsi-Ometto, Fondazione Sandretto Re Rebaudengo, Pinacoteca Agnelli, Giardino Botanico Oropa e Falseum, Fondazione Pistoletto, GAM – Galleria d’Arte Moderna, MAO – Museo d’Arte Orientale, Palazzo Madama, MAUTO – Museo dell’Automobile, Museo Camillo Leone e Museo Archeologico di Vercelli, Musei Reali Torino, Museo Storico Reale Mutua, Palazzo Ferrero a Biella, Museo della Frutta Garnier Valletti, Museo del Risparmio, Museo Civico Mallè di Dronero, Museo Nazionale del Cinema, Museo Nazionale del Risorgimento, Pinacoteca Albertina, Museo Egizio, spazi museali della Basilica di Superga, Museo ebraico di Casale Monferrato, Museo Civico di Palazzo Traversa, Museo del Territorio Biellese, MEBO Menabrea Botalla Museum e i castelli della Valle d’Aosta. A partire dai musei già coinvolti, l’obiettivo dei prossimi mesi è quello includere tutti le realtà appartenenti al circuito di Abbonamento Musei del Piemonte, della Valle d’Aosta e, successivamente, della Lombardia.

A fianco delle visite nei musei, L’arte con chi ne fa parte propone approfondimenti attraverso vari strumenti di Abbonamento Musei come la newsletter (con spazi dedicati), il sito, delle video interviste diffuse attraverso i canali social e una serie di podcast, nati dalla collaborazione con Area X, iniziativa di Intesa Sanpaolo Assicura per diffondere una maggiore consapevolezza della cultura della Protezione. Il piano editoriale multicanale si abbinerà a un calendario di appuntamenti nei musei, che accompagnerà il pubblico per tutta la primavera-estate.

Questo nuovo progetto segna un passaggio importante per l’Associazione Abbonamento Musei che, dalla sua nascita, 25 anni fa, mette in dialogo i luoghi di cultura con il suo pubblico. In questa occasione, per la prima volta, diventa anche co- produttore di nuovi contenuti insieme ai musei, raccontando le vite di chi ha contribuito a far nascere i musei come li conosciamo oggi e ad ampliarne con passione le collezioni, narrando le storie di chi ha abitato i palazzi che li ospitano o degli artisti che ne hanno plasmato le opere d’arte conservate.

“In un momento in cui avvertiamo il desiderio di ritrovare le nostre abitudini temporaneamente sospese e di cui sentiamo la mancanza, l’intuizione di proporre l’arte attraverso lo “storytelling” dei protagonisti, contribuisce a rimettere in primo piano il sistema di relazioni tra persone. Propone di creare un “ecosistema” di conoscenze amplificate in uno spazio in cui si condensano figure e racconti connesse alle opere, è un’idea ambiziosa e non priva di suggestioni: c’è infatti anche un riflesso didattico racchiuso dentro questo progetto in cui i caratteri dei protagonisti si fondono con i risultati delle loro creazioni superando così l’aspetto visivo a cui siamo abituati normalmente quando entriamo in un museo. Nulla può essere compreso meglio di ciò di cui è possibile allargare il confine di conoscenza senza per questo mutilarne il contenuto” dichiara Vittoria Poggio, Assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte.