Quantcast

Asti, questionari sulla soddisfazione e qualità del servizio della mensa scolastica

Nel contesto del progetto congiunto tra il Comune di Asti e la Commissione Mensa Cittadina, per la rilevazione del gradimento del servizio medesimo tramite questionari adattabili all’utenza scolastica, è stato predisposto un progetto di indagine con i relativi “Questionario genitori” e “Questionario docenti” disponibili dal 10 maggio 2021.

La Customer Satisfaction è uno strumento che permette di monitorare la qualità del servizio erogato.

Le Indagini sulla Qualità percepita sono il segno di una cultura diffusa di orientamento al cittadino e di consapevolezza dell’importanza del suo giudizio per orientare le scelte di vertice e valutare la qualità dei servizi offerti.

L’attenzione che l’Amministrazione Comunale pone nei confronti della Comunità scolastica è prioritaria.

La qualità del servizio scolastico di refezione, in particolare, di competenza dell’Ente, con la collaborazione della Commissione Mensa Cittadina, deve essere costantemente monitorata; la valutazione del servizio offerto in quest’anno scolastico, segnato dall’emergenza sanitaria, può rappresentare un punto di partenza significativo per un miglioramento del servizio di mensa scolastica che l’Amministrazione di Asti si prefigge di conseguire con la collaborazione di chi usufruisce del servizio.

I questionari di valutazione di gradimento del servizio di refezione sono pertanto rivolti a docenti e genitori dei bambini della scuola d’infanzia e primaria e dei ragazzi della scuola secondaria di 1° grado, che sono invitati a rispondere con la massima libertà in quanto il questionario è anonimo ed eventuali suggerimenti o annotazioni possono essere dati utilizzando lo spazio a disposizione.

I questionari hanno lo scopo di indagare:
• come famiglie ed alunni percepiscono il servizio che l’Ente offre, raccogliere eventuali criticità, suggerimenti e aspettative, per poi poter intraprendere le opportune azioni volte al miglioramento del servizio;
• come gli insegnanti – in considerazione del ruolo fondamentale che svolgono durante il tempo mensa e dei modelli educativi proposti legati anche ad una sana alimentazione – abbiano percezione e riscontro immediato della qualità del servizio e della sua evoluzione nel tempo, attraverso il monitoraggio delle situazioni di refettorio, della qualità e professionalità del personale che serve i pasti, dell’andamento del gradimento dei pasti da parte dei bambini e dei ragazzi, in previsione di proponende attività di educazione alimentare.