Quantcast

Al CPIA di Asti si parla di agricoltura eco-sostenibile

A come Agricoltura Eco-sostenibile: con protagonisti Monica Monticone, Micaela Soldano, Cesare Quaglia ad Alfabeti di Cittadinanza.

Appuntamento il 19 maggio alle 18.30, sul canale Facebook e Youtube del Cpia di Asti, si parlerà di agricoltura, sostenibilità ambientale, accoglienza turistica e spirito di imprenditorialità nel nuovo appuntamento della rassegna culturale dell’Istituto Statale di Istruzione degli Adulti.

Un incontro rivolto a tutta la cittadinanza e alle classi dei CPIA, dove nei percorsi di scuola superiore rivolti agli adulti di Agraria e Enogastronomia e Ospitalità alberghiera realizzati in sinergia con l’Istituto Penna si approfondiscono tali tematiche.

Proprio grazie alla collaborazione tra l’Istituto statale di Istruzione per adulti CPIA 1 Asti Guglielminetti e l’Istituto statale di Istruzione superiore tecnica e professionale Penna, sono attivi due percorsi di studi volti al conseguimento del diploma di scuola secondaria di II grado (diploma di maturità), caratterizzato da percorsi didattici all’avanguardia nel campo dell’agricoltura, dell’accoglienza turistica, della promozione e valorizzazione del territorio.

I percorsi CPIA-PENNA, per adulti, di diploma in Agraria, agroalimentare e agroindustria e Servizi per l’enogastronomia e l’ospitalità alberghiera, contano 113 iscritti, di cui 43 in Agraria e 70 in “Enogastronomia e Ospitalità Alberghiera”.

Gli ospiti della “lezione” pubblica sono protagonisti d’eccezione dell’imprenditoria agricola del territorio, oltre a riflettere sui temi ecologici e della sostenibilità ambientale, attraverso le testimonianze di attori nel campo agricolo si approfondirà una delle competenze chiave fissate dal Parlamento Europeo per l’apprendimento permanente: il senso di iniziativa e l’imprenditorialità.

Per adulti impegnati in un percorso di studi che permetta loro di interfacciarsi con le vocazioni di sviluppo del territorio è essenziale confrontarsi con chi ha saputo tradurre le idee in azione. In queste competenze che in un percorso di studi si devono sviluppare rientrano la creatività, l’innovazione e l’assunzione di rischi, come anche la capacità di pianificare e di gestire progetti per raggiungere obiettivi.

Ed è per questa ragione che il CPIA di Asti ospiterà tre esperienze e storie virtuose, di cui due al femminile.

Monica Monticone, poliedrica e vulcanica imprenditrice agricola che oltre a essere impegnata nella sua azienda agricola è sommelier e attuale responsabile Coldiretti Donne Impresa, porta avanti con passione l’Azienda Agricola Cascina Rey, un simbolo di tradizione, innovazione e sostenibilità.

Cascina Rey sorge in una piccola vallata di ampio respiro in frazione Valle del Re, subito dopo Variglie. Si occupa principalmente della coltivazione della vite di varietà autoctone fino ad arrivare all’imbottigliamento dei vini prodotti ed alla vendita soprattutto diretta puntando sull’accoglienza e le degustazioni guidate in azienda.

Micaela Soldano, laureata in economia ed ex dirigente bancaria, è stata Responsabile Coldiretti Donne Impresa. Il fascino della sua storia si lega alla volontà di riportare in Piemonte l’antica spezia dello zafferano. Paolo e Micaela lasciano Torino e i precedenti lavori per trasferirsi a Villafranca d’Asti dove coltivano zafferano, piccoli frutti e nocciole.

L’Azienda Agricola “Il filo rosso” nasce da una sfida che ha a che fare con l’economia circolare e la sostenibilità, fin da subito orientati alla valorizzazione del prodotto, puntano alla trasformazione a ciclo chiuso in azienda, alla vendita diretta fatta di storia ed emozioni.

Cesare Quaglia “contadino senza frontiere” promuove ad Asti l’agricoltura sostenibile e, parallelamente, coordina progetti di cooperazione allo sviluppo in ambito agricolo nell’Africa Subsahariana, prima in Burkina Faso con Coldiretti e poi da molti anni in Casamance nel Senegal meridionale come volontario del CPAS Onlus.

L’Azienda Agricola biologica di Cesare Quaglia (Agricoltura Indigena) è a Variglie, tra le colline dell’astesana e lungo la Valle del Tanaro, si occupa di coltivazione e trasformazione di cereali e canapa, con metodo biologico, impegnato nella riscoperta e valorizzazione della biodiversità locale, specializzato nella produzione di sementi certificate e cereali antichi, promotore della coltivazione e dello sviluppo della filiera della canapa in Italia, co-fondatore di AssoCanapa, che da oltre 20 anni coltiva ininterrottamente.

A moderare l’incontro saranno i docenti Francesco Scalfari, antropologo e Andrea Bretto, agronomo.

L’evento sarà online visibile sulla pagina Facebook del CPIA: https://www.facebook.com/cpiaasti/live sul sito istituzionale www.cpia1asti.edu.it e sul canale YouTube del CPIA 1 ASTI. Successivamente sarà reso pubblico sul canale YouTube della scuola

Al il CPIA di Asti si parla di agricoltura eco-sostenibile