Quantcast

Asti, sobria celebrazione per il 169° Anniversario della fondazione della Polizia di Stato (foto) fotogallery

Oggi sabato 10 aprile 2021, all’insegna del motto “Esserci Sempre”, ricorre il 169° Anniversario della fondazione della Polizia di Stato, che coincide quest’anno con il quarantennale dell’entrata in vigore della Legge di riforma n.121 del 1981, che oltre a ridisegnare nell’attuale configurazione l’intera architettura dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza ha segnato anche la cessazione del Corpo militare delle Guardie di P.S. e la nascita della “Polizia di Stato” quale organizzazione civile ad ordinamento speciale.

Le stringenti misure in atto per contrastare il diffondersi del contagio da coronavirus, nel rispetto della normativa in materia di profilassi sanitaria, hanno indotto responsabilmente il Capo della Polizia a diramare a tutti i Questori stringenti indicazioni affinché il momento celebrativo, nella giornata di oggi sia limitato alla sola deposizione della corona a ricordo dei caduti presso il monumento collocato all’esterno della sede della Questura, senza partecipazione di pubblico e Autorità, con la sola presenza del questore di Asti, Sebastiano Salvo e del al Vice Prefetto Vicario Arnaldo Agresta.

E con analoga, massima sobrietà nelle celebrazioni, a Roma nella mattinata di ieri il Capo della Polizia – Direttore generale della pubblica sicurezza Prefetto Lamberto Giannini è stato ricevuto a palazzo del Quirinale dal Presidente della Repubblica, accompagnato dai Vice Capi della Polizia, dai Direttori centrali del Dipartimento della pubblica sicurezza e da una rappresentanza del personale.

Proprio per suggellare questo Anniversario, il servizio di Guardia d’onore al Palazzo del Quirinale oggi è affidato al Reparto a cavallo della Polizia di Stato che per l’occasione indosserà l’uniforme storico risorgimentale, e questa mattina, il Ministro dell’Interno Luciana Lamorgese accompagnata dal Capo della Polizia, depone una corona d’alloro al Sacrario dei Caduti presso la Scuola Superiore di Polizia.

“In occasione di una ricorrenza così importante per la Polizia di Stato, ed a testimonianza dell’impegno che ogni giorno tutte le donne e gli uomini di questa Istituzione profondono in favore della collettività astigiana anche nei lunghi periodi di lockdown, è doveroso comunque rammentare che i dati “operativi” dell’attività svolta nell’ultimo anno (le pattuglie su strada, le persone identificate, le chiamate pervenute su linea 112 NUE, gli interventi effettuati su strada, i controlli alle persone sottoposte ad obblighi, le persone tratte in arresto od accompagnate presso i C.P.R.) rendono testimonianza di un impegno della Polizia di Stato che ha mantenuto sempre elevato, in alcuni casi incrementando, il livello di attività preventiva e repressiva prestata a favore della comunità” si legge nelle nota della Questura di Asti