Quantcast

Asti, la minoranza risponde al sindaco: “Rasero, su Mussolini la toppa è peggio del buco”

Riceviamo e pubblichiamo


Questa mattina è giunta notizia della revoca della delibera attraverso cui Mussolini era stato proclamato cittadino onorario di Asti nel lontano maggio del 1924. Abbiamo pensato che qualcuno fosse rinsavito dopo le scene gravissime del consiglio comunale di ieri sera. Invece, è proprio il caso di dirlo, il comunicato con cui Rasero cerca di mettere una toppa sulla vicenda è davvero peggio del buco.

Non ci scandalizziamo più, ormai, per il fatto che Rasero ammetta che un provvedimento di revoca della cittadinanza onoraria a Mussolini possa creare spaccature nella maggioranza. Tanto meno che incolpi noi della minoranza quali strumentalizzatori per aver presentato legittimamente e SEI MESI FA un ordine del giorno, quando al massimo le uniche colpe ce le ha chi non ha mai calendarizzato gli ordini del giorno della Minoranza e non ha convocato, nonostante gli impegni presi, l’assemblea dei capigruppo, luogo in cui la maggioranza avrebbe potuto, con sufficiente preavviso, proporre le proprie modifiche alla nostra proposta di ordine del giorno.

Non ci scandalizziamo nemmeno per il “benaltrismo” con cui Rasero liquida l’iniziativa come non importante, ci siamo abituati, anche se vengono fuori due grossi controsensi. Il primo è che, se non è importante, perché stamattina è corso a fare la delibera di giunta? E ancora, se togliere dall’albo dei nostri concittadini onorari il dittatore che ha mandato a morire milioni di Italiani in guerra non è importante, perché ieri sera era così importante inserire nel medesimo albo il Milite Ignoto e qualche mese fa era altrettanto importante inserirvi Lilliana Segre?

Non ci scandalizziamo, poi, neppure per l’accusa di voler criminalizzare i consiglieri comunali dell’epoca, accusa di cui non c’è traccia nel nostro ordine del giorno, oppure per il tentativo di voler scaricare il barile sulle consiliature precedenti, prima fra tutte quella del grande partigiano Felice Platone, che non hanno mai pensato – probabilmente nemmeno lo sapevano – di procedere alla revoca di questa cittadinanza onoraria

La cosa realmente grave è quando ci tocca leggere che i consiglieri comunali dell’epoca «in parte non avrebbero sostenuto spontaneamente l’assunzione di tale riconoscimento ed in parte, invece, lo hanno convintamente votato in un momento storico ben lontano dal 1938, anno in cui vennero adottate le leggi razziali». E ancora: «Ricordo, infatti, come riconosciuto da molti storici, che nei primi anni del regime furono anche attuate importanti riforme e realizzate imponenti infrastrutture che favorirono lo sviluppo economico e sociale dell’epoca».

In altre parole, Rasero afferma che la ragione della benemerenza fu un po’ per imposizione dall’alto – tipico sistema utilizzato nei paesi che brillano per democrazia – un po’ perché prima del 1938 MUSSOLINI HA FATTO ANCHE COSE BUONE, tanto importanti ed imponenti da conquistargli il consenso dei consiglieri comunali di Asti dell’epoca. Che vada a dirlo a Giacomo Matteotti, che giusto 15 giorni dopo che i nostri predecessori assegnassero tale benemerenza al Duce veniva fatto ammazzare per aver denunciato brogli colossali durante le elezioni di qualche settimana prima!
Che vada dirlo ai militanti dei partiti dell’epoca, di destra e di sinistra, socialisti, comunisti, cattolici, contadinisti, liberali, bastonati, perseguitati, costretti a scegliere fra una vita impossibile o la sopportazione silenziosa del regime!
Che vada a dirlo agli operai e alle operaie di Asti, quelli che ha commemorato stamattina alla Waya- Assauto, che si sono visti incendiati la sede delle Camera del lavoro e della Mutua ed evidentemente non la pensavano come lui se, rivoltella alla mano, hanno affrontato le squadre nere nel 1921 a San Rocco e hanno tenuto viva la fiamma dell’antifascismo nelle officine per tutto il Ventennio!
Che vada a dirlo, infine, ai 188 antifascisti astigiani schedati, ai 69 confinati, a quelli condannati dal Tribunale Speciale per la Difesa dello Stato, a tutti i perseguitati, quelli costretti ad emigrare e talvolta uccisi!
Il fascismo fu criminale dal primo giorno della sua fondazione, lo fu attraverso le camicie nere, lo fu quando si impossessò dello stato e lo dominò con la forza e la brutalità, lo fu quando collaborò con i nazisti per rastrellare e deportare i figli migliori della nostra terra che si battevano contro l’occupazione! E criminale il fascismo lo fu anche nel dopoguerra, quando metteva le bombe sopra i treni, come lo è ancora oggi quando cavalca le paure delle persone in difficoltà e incita alla violenza, al razzismo e alle discriminazioni!

Traspare con evidenza che Rasero non abbia capito il significato di una cittadinanza onoraria. Ed è imbarazzante sentirsi dire che non è una cosa importante, giocando come sempre al ribasso, come se lui passasse le sue giornate in piazza a distribuire pasti caldi ai bisognosi e a trovare un tetto a chi è senza casa o un lavoro a chi l’ha perso. Lo sappiamo benissimo che gli astigiani non mangiano pane e revoche delle cittadinanze onorarie, ma ricordiamoci che non mangiano nemmeno pane e comparsate del sindaco dovunque, oppure pane e ricevimenti di cittadini o rappresentanti di altre istituzioni nel palazzo comunale, oppure pane e comunicati stampa in cui si dice quanto è brava l’Amministrazione!

Una cittadinanza onoraria rientra nel cosiddetto “uso pubblico o politico della storia”, che è una pratica costante di tutti i “poteri” costituiti, dalla notte dei tempi. Una cittadinanza onoraria serve ad indicare quali siano le figure di riferimento per una comunità, quali valori occorra seguire. Strade o ponti, paludi bonificate o treni in orario, le opere più o meno imponenti e importanti di cui parla Rasero non possono in alcun modo essere usate come contraltare per “digerire” il messaggio guerrafondaio, razzista, pieno d’odio e discriminatorio veicolato dalla figura Benito Mussolini. E se gli storici le riportano, caro Sindaco, è perché c’è una bella differenza fra il ruolo dello storico, che deve raccogliere informazioni sul passato, analizzarle e riportarle nella loro integrità, e il ruolo dell’Amministrazione che, dando o revocando una cittadinanza onoraria, automaticamente fornisce un giudizio globale su un personaggio storico, gli attribuisce un ruolo simbolico nella società e lo utilizza per veicolare determinati valori.

Il Sindaco avrebbe fatto meglio a tacere e non cercare di darci lezioni di tuttologia applicata alla storia contemporanea. Non ci interessa perché e percome venne assegnata la cittadinanza onoraria a Mussolini. Ci interessa che venga finalmente tolta, mettendo fine a questo teatrino che non fa certamente onore ad una città di comprovata fede antifascista come la nostra.

Asti, 23 aprile 2021
Uniti si può
Ambiente Asti
Cambiamo Asti
Movimento 5 stelle
Partito Democratico