Quantcast

Presidio Bio Slow Food: al NaturaSì di Asti giornata dedicata al Mandarino Tardivo di Ciaculli

Sabato 6 marzo nel NaturaSì di piazza Porta Torino 14 in Asti un nuovo appuntamento dedicato ai presìdi biologici Slow Food con il Mandarino Tardivo di Ciaculli, produzione nelle borgate di Palermo di Ciaculli e di Croceverde Giardina l’unica porzione agricola rimasta dell’antica Conca d’Oro palermitana.

Coltivate quasi totalmente a mandarini e dove, negli anni ’40, per una mutazione spontanea del mandarino avana, nacque una varietà nuova che maturava più tardi, da gennaio a marzo. Un mandarino con pochissimi semi, dolcissimo, succoso e dalla buccia fine che si diffuse in modo rapido tra i coltivatori della zona. Il tardivo oggi è la produzione più prestigiosa del consorzio che riunisce 65 piccoli coltivatori – proprietari complessivamente di circa 80 ettari – tutti quanti biologici (il tardivo è resistente e non necessita di trattamenti particolari).

Le proprietà sono molto parcellizzate: dati i guadagni ridotti, il potenziale ricavo dato dalla vendita dei terreni oggi è ancora superiore al reddito agrario derivante dalla vendita degli agrumi. I coltivatori sono scoraggiati e di questo passo, entro dieci anni, potrebbero abbandonare gli agrumeti rimasti.

Il mandarino tardivo di Ciaculli è succoso e ha un alto tenore zuccherino, è quindi buonissimo fresco. Il Consorzio lo confeziona in cassette di legno e in scatole di cartoncino più piccole contrassegnate da un logo comune. Ma i pasticcieri e gelatieri siciliani lo utilizzano per una varietà di trasformati: granite, gelati, gelatine, spremute, liquori e, con l’aggiunta di un po’ di succo di limone, marmellate.

Il mandarino Tardivo di Ciaculli fresco, grazie alla collaborazione Slow Food-NaturaSì, è ora possibile trovarlo nella catena dei supermercati biologici.

A breve si avrà l’introduzione dei prodotti trasformati: marmellate e succhi di frutta.

Il mandarino Tardivo di Ciaculli