Quantcast

Percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza: due astigiani denunciati dai Carabinieri

A conclusione di un’indagine avviata alla fine dello scorso anno volta a monitorare il settore delle prestazioni sociali agevolate del “reddito e pensione di cittadinanza”, introdotto dal decreto legge 28 gennaio 2019 n. 4, i Carabinieri di Bubbio hanno individuato e denunciato alla Procura della Repubblica di Alessandria due astigiani, padre e figlio, che percepivano indebitamente il reddito di cittadinanza.

Il danno all’erario è quantificato in circa di € 3000,00 su base annua, in quanto gli indagati, in fase di presentazione delle richieste del sussidio assistenziale, hanno dichiarato di risiedere in due indirizzi diversi, approfittando di una residenza fittizia in Vesime (AT), presso un immobile poi risultato da anni in stato di abbandono, mentre di fatto componevano un unico nucleo familiare convivente in un appartamento in locazione dello stesso comune con contratto regolarmente registrato dal dicembre del 2017. Facendo parte, quindi, gli stessi di un unico nucleo familiare avrebbero dovuto presentare una sola domanda cumulativa anziché due distinte.

Per queste ragioni sono stati deferiti all’Autorità giudiziaria i due autori – cl. 1961 e cl. 1985 – rispettivamente gravati da precedenti di polizia per reati contro il patrimonio il padre e disturbo alla quiete pubblica il figlio, per falso in atto pubblico e indebita percezione di reddito di cittadinanza.
All’atto della contestazione si è provveduto anche al sequestro preventivo ex art. 321 co 3 bis c.p.p., delle tessere postepay-rdc adoperate per l’accredito mensile degli importi.