Quantcast

“Pensiamo ad una “Sala del commiato” a Canelli”

Riceviamo e pubblichiamo la proposta del gruppo Insieme per Canelli.


Se c’è una cosa che strazia all’epoca del Covid19, oltre al male che porta in sé, è la
solitudine di chi se ne va solo da questa terra, di chi non può sentire il calore della gente attorno al suo corpo senza vita, della mancanza di un abbraccio, di una lacrima condivisa.
La cura e la memoria dei defunti stanno alla base delle relazioni e della coscienza umana.

L’ultimo saluto ai propri cari riveste un’importanza particolare per ogni persona, che ha bisogno di spazi adatti, di tranquillità, di calore.
Per rendere più umano l’ultimo saluto ai nostri defunti stanno nascendo in diverse parti del mondo, le “sale del commiato”, strutture destinate a ricevere, tenere in custodia per
brevi periodi ed esporre il feretro per la celebrazione di riti di commemorazione laica, religiosa o, comunque, per un ultimo saluto.

Possono essere realizzate da soggetti pubblici o privati autorizzati, e pertanto una collaborazione tra i due potrebbe permettere di rendere più fattibile il progetto. Sono luoghi.nei quali è possibile gestire con umanità e discrezione le onoranze funebri, sono aperti a tutti e possono offrire una breve accoglienza, ad esempio, a chi viene a mancare in un’altra città e si vorrebbe più vicino per qualche momento o a chi non ha la possibilità di accogliere il feretro in casa.

Vi sono leggi nazionali e regionali che regolano queste strutture, da noi ancora quasi sconosciute, ma che invece potrebbero essere un’occasione per ridurre gli spostamenti delle persone, permettere di avere un luogo dignitoso ed adeguato per accogliere la salma
per le visite di parenti e amici. Oggi, dove la stragrande maggioranza delle persone finisce la propria vita in un ospedale, avere una sala del commiato permetterebbe agli abitanti della città come delle zone limitrofe di visitare il defunto senza doversi recare distante e
con orari limitati.

Il cimitero di Canelli ha già uno spazio proprio all’ingresso, che potrebbe essere utilmente adattato a sala del commiato seguendo tutte le normative di legge.
E’ un’idea che vorremmo il Comune e le Imprese del Settore prendessero seriamente in considerazione, per immaginare un servizio nuovo che Canelli non ha.

Il gruppo Insieme per Canelli