Quantcast

Le Rubriche di ATNews - ATnewsKids

Nell’impianto di compostaggio di San Damiano d’Asti un nuovo macchinario per eliminare la plastica

Un esempio di economia circolare

Nelle nostre case facciamo la raccolta differenziata, dividendo carta, plastica, metalli e rifiuti organici. Questi ultimi, in cui rientrano ad esempio gli scarti da cucina, una volta raccolti vanno a finire nell’impianto di compostaggio dell’azienda Gaia Spa a San Damiano d’Asti.

Qui questi scarti vengono trasformati in compost, un terriccio molto prezioso perché viene usato come fertilizzante  in orti e giardini in modo da rendere il terreno più fertile.  Quello che era un rifiuto avrà così una nuova vita che permette di ricominciare un ciclo produttivo: il compost contribuirà infatti alla crescita e allo sviluppo di nuova verdura o frutta che andremo poi ad acquistare e consumare.

Affinché però questo ciclo funzioni è necessario che il rifiuto che arriva all’impianto sia differenziato bene: spesso il materiale in ingresso contiene delle impurità plastiche, che potrebbero “sporcare” il compost finale. Per far fronte a questo problema, nelle scorse settimane nell’impianto di San Damiano, è stata organizzata una dimostrazione del funzionamento di un nuovo macchinario di selezione che è in grado di identificare e separare i diversi polimeri che si trovano nelle plastiche di scarto dal processo di compostaggio. In questo modo si rende il compost più pulito.

Ma cosa fare delle impurità plastiche tolte?  Anche a loro verrà data una seconda vita: saranno infatti utilizzate in processi di riciclo, finalizzati ad ottenere nuovi prodotti. In questo modo nulla si getta e tutto si recupera: questo è il principio di base della cosiddetta economia circolare, un modello di produzione e consumo che implica condivisione, prestito, riutilizzo, riparazione e riciclo dei materiali.

Tutti gli oggetti hanno una vita: nascono (quando sono costruiti), vivono (quando sono utilizzati) e muoiono (quando sono gettati). L’obiettivo è allungare il più possibile la loro vita attraverso il riciclo, il riuso, la riparazione ecc., contribuendo a ridurre i rifiuti al minimo. Anche una volta che il prodotto ha terminato la sua funzione può avere un’alternativa alla discarica: i materiali di cui è composto vengono recuperati e reintrodotti in altri cicli produttivi che generano nuovi prodotti.

separatore gaia impianto san damianoseparatore gaia impianto san damianoseparatore gaia impianto san damiano