Quantcast

Gli appuntamenti del Consiglio regionale del Piemonte per la Giornata della donna

Nell’ambito della prevenzione e del contrasto alla violenza prosegue l’attività del progetto astigiano sos-donna.it, che vede fra i suoi promotori il Consiglio regionale

In occasione della Giornata internazionale della donna, che si celebra in tutto il mondo l’8 marzo, il Consiglio regionale del Piemonte organizza alcuni appuntamenti, che mettono in luce storiche conquiste come il diritto di voto e nuovi strumenti giuridici di tutela, ma anche criticità ancora aperte e su cui riflettere per il pieno e fattivo riconoscimento della parità di genere.

“Quest’anno si celebrano i settantacinque anni dal primo voto alle donne e per questo l’Assemblea legislativa ha voluto dedicare la presentazione di foto storiche sul tema – ha dichiarato il presidente del Consiglio regionale Stefano Allasia -. Oggi più che mai sentiamo la necessità che si completi quel percorso di parità tra uomini e donne iniziato allora con il riconoscimento del suffragio universale, affinché si realizzino nella società di oggi pari opportunità per tutti, per un benessere e una visione serena rivolta al futuro”.

Dal 4 al 16 marzo nelle vetrine dell’Ufficio relazioni con il pubblico del Consiglio regionale (in via Arsenale 14 angolo via Lascaris a Torino) saranno esposte foto storiche visibili dall’esterno in occasione del 75° anniversario del primo voto alle donne, con un particolare approfondimento sul voto amministrativo a Torino dell’aprile 1946. Le immagini storiche provengono dall’archivio del quotidiano torinese La Gazzetta del Popolo.

Lunedì 8 marzo a partire dalle 15 sui canali Facebook e Youtube di @crpiemonte sarà pubblicata la registrazione del convegno “Uomini contro la violenza”, organizzato dalla Consulta femminile regionale in collaborazione con l’associazione Ma.ter sui primi risultati dell’applicazione della legge 69/19 conosciuta come “Codice Rosso”, un nuovo strumento per la difesa delle donne vittime di violenza e maltrattamenti. Scopo della tavola rotonda, a cui parteciperanno parlamentari, magistrati, avvocati, funzionari di polizia e carabinieri e membri dell’associazione Cerchio degli Uomini, è quello di informare sulla concreta attuazione della normativa, sulle difficoltà incontrate, i successi raggiunti e l’effettiva operatività della norma.

Nell’ambito della prevenzione e del contrasto alla violenza prosegue inoltre l’attività del portale web sos-donna.it, un progetto avviato ad Asti due anni fa che vede fra i suoi promotori il Consiglio regionale attraverso la Consulta delle Elette. Fra le iniziative sta ottenendo un notevole riscontro fra i giovani delle scuole superiori astigiane e dell’università il questionario “Ti rispetto”, con oltre 5 mila compilazioni sul tema della violenza psicologica. Dopo il lancio dell’iniziativa è stata inoltre avviata la collaborazione con le scuole superiori di Crotone, anch’esse impegnate a rispondere alle domande, in un singolare gemellaggio di sensibilizzazione, parallelo a quello attuato ad Asti, contro la violenza di genere.