Quantcast

Conosci il travel hacking? Permette di viaggiare gratis in business class

Più informazioni su

Viaggiare con i punti, ad un costo irrisorio. Sembra uno slogan pubblicitario accattivante ma che nasconde  l’intenzione di vendere qualcosa. Una di quelle frasi tipiche di chi lavora nel marketing e sa come toccare le corde giuste per convincere le persone. In realtà, dietro questo desiderio c’è molto di più.

C’è il concetto di frequent flyer, un modo di vivere, uno stile di vita da conoscere. Hai mai sognato di fare un’esperienza di volo in first class, senza dar fondo al portafogli? Di visitare posti misteriosi e affascinanti con un budget minimo, senza infilarti uno zaino sulle spalle? O magari di soggiornare proprio in quell’isola tropicale che hai visto solo navigando sul web? Progetti ambiziosi, ma finalmente raggiungibili grazie ai benefit delle carte di credito e alle alleanze aeree, che permettono di viaggiare con i punti.

Chi sono i frequent flyer?

Diventare frequent flyer significa essere premiato per la propria “fedeltà” ad una compagnia aerea o ad un’alleanza (“gruppi” che uniscono più vettori, con una serie di benefici per i viaggiatori e per le compagnie). Nella maggior parte dei casi, i viaggiatori iscritti al programma ottengono tanti punti quante sono le miglia percorse. Ma non è sempre così: in diversi casi il rapporto non è 1:1.

I punti accumulati possono quindi essere utilizzati per ottenere voli gratuiti o godere di benefit unici come l’accesso ad aree (lounge) dell’aeroporto riservate o la priorità nelle prenotazioni. I benefici di un programma del genere riguardano le compagnie aeree ma anche le catene alberghiere, grazie a programmi di fidelizzazione spesso molto interessanti. Del resto l’obiettivo delle aziende è quello di “coccolare” il proprio cliente, legarsi a vita con lui e contare sempre sul suo appoggio.

La base del travel hacking è appunto sapere accumulare decine di migliaia di punti cercando di non spendere nulla di più di quello che si spende normalmente: dalla spesa alla benzina, dalle bollette della luce ai regali.

Come viaggiare con i punti (e come guadagnarli)

Il metodo principale per ottenere punti in un programma frequent flyer consiste nel compiere viaggi aerei con le compagnie partner. La maggior parte dei programmi premia i viaggiatori con un numero di punti proporzionale alla distanza percorsa. Esiste anche un sistema basato sul costo del biglietto acquistato: più è alto il costo, più miglia si ottengono. Molti programmi prevedono infine metodi alternativi per ottenere più punti: soggiorni negli hotel partner, noleggio di un veicolo da una società associata e l’utilizzo di carte di credito permettono di accumulare punti e ottenere sempre più opportunità.

Utilizzando una carta di credito, infatti, ogni volta che paghi per la spesa online o per mangiare fuori, per fare shopping, per pagare le bollette o persino gli F24, puoi guadagnare punti preziosi e miglia che puoi utilizzare per la tua prossima vacanza. Per non parlare del fatto che avrai anche accesso a vantaggi preziosi che normalmente potrebbero costarti quanto lo stesso viaggio. Non ti piacerebbe sapere che tutti i soldi che spendi sono un investimento per la tua prossima vacanza?

Ovviamente per farlo devi avere pazienza, attenzione, tanta buona volontà e prestare attenzione ad ogni tipo di opportunità. Inoltre devi rispettare poche ma semplici regole, avendo sempre in mente un concetto: i punti e le miglia sono un tipo di valuta. Li guadagni ogni volta che fai un viaggio o effettui un acquisto con una carta di credito a premi e puoi utilizzarli in seguito per viaggiare gratuitamente.

I settori delle carte di credito, delle compagnie aeree e degli hotel sono strettamente intrecciati e il punto centrale dell’intera attività è quella di usare quelle valute per viaggiare per il mondo. Non esiste un modo giusto per adottare quello che è a tutti gli effetti uno stile di vita, ma The Flight Club può essere un ottimo punto di riferimento per iniziare a  conoscere meglio questo mondo e iniziare a cambiare la propria mentalità.

Più informazioni su