Quantcast

Come cambiare formato di un video

Più informazioni su

Quante volte capita di ricevere o di scaricare un file video che non si riesce ad aprire, magari perché in un formato non supportato dal proprio pc o smartphone? I formati disponibili oggi sono tantissimi, il lettore che si ha installato di default (o scaricato in seguito) sul proprio device potrebbe non essere adatto.
Ecco allora che diventa necessario cambiare estensione video del filmato: oggi per fortuna è possibile farlo in modo semplificato grazie a diversi software che nascono con questo scopo. Vediamo come modificare il formato di un video, aiutandoci con le spiegazioni fornite da questo sito.

L’utilità dei codec

La parola da tenere a mente quando si deve cambiare estensione file video è codec: quante volte ci si è imbattuti in questo termine, magari senza sapere con esattezza ciò di cui si stava parlando? Un codec è uno strumento di decodifica che serve per l’appunto a decriptare un file video elaborandolo con specifici algoritmi.
Modificare il formato vuol dire anche cambiare codec video, dato che di tipologie ne esistono tantissime ed ognuna di queste ha un livello di compressione differente che può portare ad una perdita di dati più o meno evidente. Decodificare vuol dire proprio comprimere re decomprimere un file video fino al raggiungimento del proprio scopo, il che comporta inevitabilmente una perdita di dati.
Per capire come cambiare formato video si deve necessariamente partire dalle diverse tipologie di formato che sono disponibili: le più diffuse sono AVI, MP4 (MPEG-4), MOV, 3GP, FLV, MKV, WMV, MP3, WAV per citarne alcune. L’elenco completo dei formati video è molto più nutrito e comprende tante estensioni.

Guida alla modifica del file video

Per modificare il formato di un video si può intervenire con un software o direttamente collegandosi ad un sito che consenta di portare a termine online tutte le operazioni del caso. Cambiare estensione video non richiede necessariamente competenze tecniche, ma è bene avere gli strumenti giusti.
Ad esempio c’è una differenza enorme se le operazioni vengono eseguite mediante Apple o tramite Android: d’altra parte non tutti i formati video ad oggi presenti sono compatibili con le diverse piattaforme digitali esistenti. Ecco perché si vanno poi a creare problematiche in fase di download dei file o di visualizzazione del video.
Parlare di miglior formato video è del tutto aleatorio, non può esistere a prescindere proprio perchè tutto dipende da ciò di cui si ha bisogno e dalla tipologia di piattaforma sulla quale lo si andrà a visualizzare. Quando ci si chiede come cambiare un formato di un video, si deve quindi necessariamente partire da queste analisi per capire poi il modo in cui intervenire e lo strumento da utilizzare.

Più informazioni su