Quantcast

Presentato il logo degli “Scatenati” della scuola media Parini di Asti fotogallery

Si è svolta ieri la premiazione del concorso indetto dalla scuola secondaria di primo grado “G.Parini” dell’Istituto Comprensivo 3 di Asti per la scelta del logo rappresentativo degli Scatenati.
Il gruppo degli Scatenati è nato su iniziativa dei docenti, proprio all’inizio di quest’anno scolastico, con l’intento di coniugare la promozione della mobilità sostenibile, l’importanza di fare sport all’aria aperta e il desiderio di aggregazione.

Si tratta di un gruppo costituito da docenti, alunni di tutte le classi e genitori che, nel progetto iniziale, avrebbero dovuto incontrarsi con cadenza mensile o quindicinale in orario extrascolastico (preferibilmente sabato o domenica) per muoversi in gruppo con la propria bicicletta.
L’iniziativa, nata in collaborazione con la Federazione Italiana Amici della Bicicletta Onlus (Fiab), ha raccolto subito moltissime adesioni, sia da parte dei ragazzi sia dei genitori. A settembre si sono svolte alcune uscite durante la Settimana della mobilità sostenibile, nelle quali la scuola Parini è stata numericamente quella più rappresentativa dell’iniziativa astigiana.

L’emergenza sanitaria attuale, purtroppo, ha fermato le attività e sono stati quindi sospesi gli incontri in bicicletta. Questo, però, non ha fermato la voglia di parlare di mobilità sostenibile e di progettare la ripresa appena possibile. Attraverso diverse attività in classe i ragazzi hanno ben compreso il legame tra il rispetto dell’ambiente, la necessità di un’alimentazione corretta e di attività fisica e la minore probabilità di sviluppare malattie.
Per offrire un segnale di continuità con il progetto è stato indetto un concorso per scegliere il logo che rappresenterà gli Scatenati, nome che rappresenta bene la voglia di muoversi in allegria e che sarà utilizzato per pubblicizzare le future attività del gruppo.

Tutti gli alunni della scuola hanno presentato i loro elaborati grafici, guidati della professoressa Alexandra Sarasino, docente di Arte e Immagine presso la scuola Parini. In seguito la giuria, dopo aver selezionato i primi 30 finalisti, ha individuato i tre disegni che meglio rappresentavano lo spirito del gruppo e del progetto e ha assegnato una coppa in segno di riconoscimento.

Il terzo premio è andato a Simone Iorio della classe 2C. Gli altri due disegni finalisti, proposti da Noemi Pace della classe 3B e da Giorgia Gagliardi della classe 2B sono stati reputati dalla giuria ugualmente validi e quindi è stato scelto di fonderli in un unico logo. “La scelta di unire i due disegni – commenta la professoressa Sarasino – è in linea con lo spirito aggregativo e inclusivo della nostra scuola. Dall’unione di idee diverse possiamo sempre ricevere un grandissimo arricchimento per noi stessi e per il gruppo”.

“Aspettiamo con ansia di poter ricominciare ad uscire con le nostre bici, nuove o vecchie, belle o sgangherate, non ha importanza – dicono i ragazzi – L’importante è poter riprendere a stare insieme prendendoci cura di noi stessi e dell’ambiente in cui viviamo!”