Quantcast

La pandemia non ferma il Lions Club Asti Host sempre presente a favore di chi ne ha più bisogno

Anche in tempo di pandemia il Lions Club Asti Host è vivo e attivo nel solco dei propri principi filantropici, sempre presente a favore di chi ne ha più bisogno.

Completato il maxi-service 2020 a favore dell’ospedale Cardinal Massaia di Asti insieme agli altri club astigiani, il sodalizio presieduto da Massimo Cellino ha recentemente provveduto all’acquisto di un polisonnigrafo per l’ASL di Asti: si tratta di uno strumento che rileva patologie pericolose e potenzialmente mortali tramite il monitoraggio del sonno. Quanto prima si svolgerà la cerimonia ufficiale di consegna.

Nel frattempo il Lions Club Asti Host sta aiutando su segnalazione della Caritas Diocesana famiglie in difficoltà con figli in età scolare nell’ambito di un progetto battezzato “Difendiamo la speranza” che mira a dotare chi ne è privo degli strumenti didattici per la formazione a distanza; non vengono comunque dimenticati i service storici come “Immensamente buono” per proporre un’alimentazione corretta e “Noi per voi” sulle insidie dell’alcolismo giovanile ed il tradizionale e consistente sostegno natalizio alla Banca degli occhi della Fondazione Internazionale Lions grazie all’acquisto di panettoni e pandori da parte dei soci.

Nel frattempo il Lions Club Asti Host ha già avviato, come guida di tutti i Lions Club dell’intera provincia, l’organizzazione del Congresso di apertura del Distretto per l’anno sociale 2021/22 che si svolgerà nel settembre prossimo al Teatro Alfieri di Asti. Sarà il battesimo per il nuovo Governatore individuato nell’astigiano Pierfranco Marrandino, socio e past-president del Club di Villanova ed ex dirigente della Cassa di Risparmio di Asti, che si appresta a vivere un’intensa stagione di servizio lionistico a favore della comunità astigiana.

Nella foto: il presidente Massimo Cellino alla consegna di uno dei laptop a due fratelli meritevoli.

service lions club asti host