Quantcast

Bonifica amianto, 802mila euro dalla Regione Piemonte

Andranno a Comuni e Atc. Carosso: “Utili per medi e piccoli interventi di qualità”

Parere favorevole – in quinta Commissione Ambiente presidente Angelo Dago – alla proposta di deliberazione della Giunta che prevede l’approvazione dei criteri per la concessione, in favore dei Comuni e delle Agenzie Territoriali per la Casa, di contributi per la rimozione di manufatti contenenti amianto.

Il vice presidente Fabio Carosso è intervenuto per conto dell’assessore all’Ambiente Matteo Marnati sui criteri che riguardano la concessione per la rimozione di manufatti contenenti amianto.

Le risorse a disposizione per il 2021 saranno così ripartite: 302mila euro in favore dei Comuni e 500 mila per le Atc.
La loro distribuzione avverrà attraverso bandi che prevedono una somma massima di 50mila euro per un singolo Comune e di 100mila per Atc.

I criteri adottati serviranno per la bonifica di manufatti contenenti amianto, la rimozione e il trasporto al netto dell’Iva a cui dovranno provvedere le amministrazioni.

Arpa e Asl saranno chiamate a valutare, in base alle criticità emerse, le graduatorie per l’assegnazione delle risorse una volta che il Ministero dell’Ambiente le avrà avallate. Con il provvedimento si cerca di confinare il fenomeno dell’abbandono dell’amianto che negli anni passati era stato oggetto di diverse controversie giudiziarie.

Carosso si è augurato che le “risorse vengano impiegate per medi e piccoli interventi mentre i bandi serviranno per valutare le varie assegnazioni rispetto alla loro qualità”.

I criteri di priorità per la concessione di contributi ai Comuni vanno per la bonifica con rimozione delle coperture in cemento/amianto degli edifici di proprietà privata da effettuarsi a seguito di inottemperanza alle ordinanze. Nel caso del privato che non avesse provveduto, può quindi intervenire il Comune con questi fondi, ferma restando la possibilità successiva di rivalersi sui proprietari dei beni una volta bonificati.