Quantcast

Rocchetta Tanaro, preoccupa la situazione della Casa di riposo: a fine mese il gestore interromperà ogni servizio

A Rocchetta Tanaro c’è preoccupazione per la situazione della Casa di Riposo dopo la comunicazione dell’attuale gestore, la Serena Orizzonti Spa, di interrompere ogni servizio a fine mese, il 31 gennaio 2021.

A rendere pubblica la decisione del gestore è stato il Comune di Rocchetta di Tanaro che giovedì scorso, 14 gennaio, ha pubblicato il seguente comunicato stampa:
“Ieri, 13 gennaio 2021, Sereni Orizzonti S.p.A., gestore della Casa di Riposo Comunale ha comunicato la sua decisione di interrompere ogni servizio il 31 gennaio 2021.
Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale negli scorsi mesi hanno promosso e svolto con l’attuale gestore e da ultimo anche con le rappresentanze sindacali dei Lavoratori, più incontri finalizzati a garantire la continuità del servizio nell’interesse di tutte le posizioni coinvolte sino all’assegnazione definitiva della gara di appalto già bandita e destinata ad assegnare la gestione della Struttura al futuro operatore economico.
Sereni Orizzonti S.p.A. in data 11 gennaio 2021 alle ore 11.35 ha richiesto l’annullamento dell’incontro previsto per le 17,30 del giorno stesso anche con le RRSS adducendo “sopravvenute circostanze” e senza fornire alcuna motivazione né giustificazione.
Il Sindaco e l’Amministrazione Comunale rassicurano la cittadinanza e gli ospiti che sarà garantita continuità dei servizi resi dalla Casa di Riposo nel rispetto delle vigenti disposizioni in materia e che saranno puntualmente tutelati gli interessi ed i diritti di tutti i soggetti coinvolti”.

Una decisione che preoccupa le organizzazioni sindacali CGIL e UIL che nella giornata di oggi hanno diramato un comunicato stampa congiunto.
“CGIL e UIL hanno appreso giovedì, tramite comunicazione ufficiale del Comune di Rocchetta Tanaro, che “Sereni Orizzonti srl” intende interrompere, a far data dal 1 febbraio 2021, ogni servizi a favore degli anziani ospiti della Casa di Riposo di proprietà comunale. Denunciamo con forza il comportamento dell’azienda, che getta nell’incertezza operatori e ospiti.
“Sereni Orizzonti” si è distinta, durante il 2020, per la sua incapacità di gestire l’emergenza sanitaria in corso, senza governare la trasmissibilità dei contagi e lasciando lavoratori e anziani soli nella gestione del quotidiano. L’assenza di dispositivi di protezione individuale, di misure di sicurezza e procedure adeguate, nonostante l’ottimo lavoro svolto dagli operatori, ha portato ad un aumento dei contagi e per questo, nei mesi scorsi, abbiamo dovuto contare i decessi” si legge nella nota congiunta.

“Ricordiamo che già durante la prima fase pandemica i sindacati avevano denunciato quanto stava accadendo all’interno della struttura: molti operatori hanno trascorso lunghi periodi di tempo senza uscire dalla casa di riposo, e senza poter vedere i propri familiari, al fine di tutelare la sicurezza degli ospiti e dei propri cari.
Oggi la struttura è “Covid free”, ma la struttura, ormai diventata poco attrattiva per coloro i quali ragionano esclusivamente sul profitto, sta vivendo un nuovo momento difficile della sua storia” prosegue la nota.

“CGIL e UIL, congiuntamente all’Amministrazione comunale, hanno promosso e attivato un tavolo di confronto sindacale, al fine di trovare le giuste soluzioni per “traghettare” la struttura verso un nuovo gestore. Il Comune di Rocchetta ha pubblicato, lo scorso dicembre, il nuovo bando di gara per la concessione dei servizi, procedura che si chiuderà nella seconda metà di febbraio” comunicano i sindacati. “Siamo in attesa di essere convocati dalla Prefettura e abbiamo provveduto a segnalare agli organi competenti le gravi iniziative promosse dall’azienda.
Siamo fortemente preoccupati per l’occupazione dei lavoratori poiché, a condizioni invariate, sarà certa una crisi occupazionale e siamo fortemente preoccupati per la salvaguardia e salute degli ospiti che meritano certezze e tranquillità.
Questa vicenda dovrebbe indignare tutti: amministratori, cittadini, operatori sanitari e tutti coloro che operano con serietà sul nostro territorio per erogare servizi ai nostri anziani.
Ringraziamo, infine, l’Amministrazione comunale per la vicinanza che sta dimostrando verso i lavoratori oltre che agli ospiti” conclude la nota congiunta di CGIL e UIL