Quantcast

“Regala sorrisi con noi”: il servizio civile alla Collina degli Elfi

Quattro i posti disponibili, con scadenza di presentazione delle candidature al 15 febbraio.

Se vuoi vivere felice, viaggia con due borse: una per dare, l’altra per ricevere”.
Le parole del poeta e scrittore tedesco Goethe riassumono il senso di quanto si sperimenta alla Collina degli Elfi, l’associazione di Govone dedicata al recupero psico-fisico dei bambini malati di cancro, attraverso il sostegno esteso anche alle famiglie che hanno vissuto la sofferenza della malattia oncologica pediatrica in un percorso di graduale ritorno alla normalità, alla vita di tutti giorni, trovando nuovi equilibri.
Per i giovani che volessero donare il proprio tempo e il proprio impegno, ricevendo molto più di quanto si possa offrire, per il prossimo sanno sarà possibile vivere un’esperienza unica, che lascerà un segno indelebile nella vita di chi vi prenderà parte.

Regala sorrisi con noi” è il nome scelto per il progetto della Collina degli Elfi legato al bando nazionale di Servizio Civile Universale: gli aspiranti operatori volontari dovranno presentare la domanda di partecipazione esclusivamente attraverso la piattaforma Domanda on Line (DOL) raggiungibile tramite PC, tablet e smartphone all’indirizzo https://domandaonline.serviziocivile.it.
Le domande di partecipazione devono essere presentate entro e non oltre le ore 14.00 del 15 febbraio 2021. Solamente 4 i posti disponibili, per i quali basta essere in possesso di un diploma di Scuola secondaria di II grado, della patente B e di rientrare nella categoria “neet”, essere cioè non uno studente, né occupato, né in formazione.
Per il periodo di impiego in servizio 2021/2022, l’orario di servizio è pari a 25 ore settimanali (oppure ripartito su un monte ore annuo che varia, in maniera commisurata, tra le 1145 ore per i progetti di 12 mesi e le 765 ore per i progetti di 8 mesi) e prevede un assegno di 439,50 euro mensili.

Per svolgere il Servizio Civile Universale presso la Collina degli Elfi e per maggiori informazioni: www.lacollinadeglielfi.it/servizio-civile-2021/

Tra le altre iniziative riferite all’associazione La Collina degli Elfi, è a un passo dal raggiungimento dell’obiettivo prefissato la campagna di crowdfunding “Deve pur esserci un’uscita”, mirata a realizzare un labirinto sensoriale all’interno del parco che circonda l’ex convento di Craviano, immerso nelle meravigliose colline del Roero.
I giardini terapeutici sono una tipologia di giardini curativi, realizzati per ritrovare un equilibrio psico-fisico, riabilitativo e sociale – afferma la presidente dell’associazione, Luisella Canale –. È stato dimostrato scientificamente che la visione e il contatto con la natura e col verde diminuiscono il livello di stress delle persone, aiutano a sopportare con migliori risultati il dolore e la depressione e stimolano la ripresa dallo stato di convalescenza o di lunga ospedalizzazione”.

Il labirinto, a Govone, diventa metafora della vita. In entrambi si incontrano avversità, ma si va alla ricerca di uno scopo finale: nella vita il raggiungimento della felicità, nel labirinto il ritrovamento del percorso che porta all’uscita. Un labirinto è anche la certezza che esiste sempre una via, anche quando sembra non esserci soluzione. Per le famiglie dei bambini oncologici un labirinto può essere un prezioso momento di riflessione: una rappresentazione metaforica del tortuoso cammino percorso durante la malattia che porti verso l’uscita: la guarigione.
Nel labirinto si potranno sperimentare attività di svago e/o terapeutiche per le famiglie con bambini affetti da malattie oncologiche ospitate dall’associazione, oltre che attività educative per i bambini delle scuole del territorio. Il dedalo verde sarà inoltre messo a disposizione del territorio, offrendo a chi lo desidererà l’occasione di vivere un’esperienza unica, a due passi da casa.

Per sostenere il progetto, fino al 4 febbraio è possibile partecipare al crowdfunding promosso dalla Fondazione CRC, in collaborazione con il partner tecnico Rete del Dono, che per questa prima edizione ha selezionato dieci progetti in provincia di Cuneo. Nuove risorse per dare fiducia al Terzo Settore, per aumentare la sostenibilità economica e accrescere il senso di partecipazione e aggregazione delle comunità locali. Per aiutare le organizzazioni a realizzare una raccolta fondi di successo, la Fondazione CRC ha offerto a tutti i progetti selezionati un percorso formativo online e un servizio di accompagnamento a cura di Rete del Dono. La campagna di crowdfunding, attiva dal 6 novembre scorso, ha portato al momento a raccogliere oltre 4.600 euro: al temine del periodo previsto di apertura, la Fondazione CRC raddoppierà le donazioni raccolte.
Per donare e per maggiori informazioni: www.retedeldono.it/it/progetti/la-collina-degli-elfi/labirinto

Sempre a proposito di crowdfunding, la Collina degli Elfi rientra anche nel circuito “Il mio dono”, promosso da Unicredit, che prevede la distribuzione di 200.000 euro tra le organizzazioni non profit aderenti al progetto. Qui c’è tempo solo fino al 31 gennaio per votare e per fare una donazione: oltre alla possibilità di optare per un’offerta libera, si può scegliere tra 10 euro per regalare la dispensa di una settimana, 50 euro per regalare un laboratorio creativo o 100 euro per donare un’esperienza con gli animali della Collina.
Per donare e per maggiori informazioni:
www.ilmiodono.it/it/organizzazioni/piemonte/la_collina_deglielfi_201.html