Quantcast

Lotta al Covid19, vaccinati nell’Astigiano il 95% di medici e pediatri di famiglia e tutti i volontari delle pubbliche assistenze

L’Asl AT fa il punto della situazione sulla prima tornata vaccinale anti Covid 19 nell’Astigiano, una tornata che si chiude oggi, in anticipo sulla programmazione regionale, e che è stata riservata alle categorie indicate come prioritarie, in particolare gli operatori sanitari e tutte le figure connesse in qualche modo con l’attività sanitaria in ospedale nelle sedi di Asti e Nizza.

Per i dipendenti dell’Azienda Sanitaria Locale si è raggiunta una soglia prossima all’80% di copertura, mentre superiore quello delle altre categorie (es. Medici di Medicina Generale e Pediatri: 95%, volontariato e pubbliche assistenze: 100%).
Peraltro, la “quota mancante” non necessariamente corrisponde a soggetti non in linea con la politica vaccinale, questi, in buona parte affetti da indisposizioni momentanee o gravi allergie che
sconsigliano la vaccinazione.
Mentre il numero dei vaccinati giunge oggi a circa 6.700, al Cardinal Massaia sono iniziati lunedì 18 gennaio i richiami che, a distanza di tre settimane dal primo inoculo, garantiscono la protezione dal contagio.

Proseguono intanto le attività vaccinali nelle residenze per anziani – circa 60 sul territorio provinciale, per oltre 2.000 ospiti – grazie all’incessante lavoro delle equipe mobili composte da 6
medici e 12 infermieri. Questi, in collaborazione con il personale delle RSA interessate, analizzano uno ad uno i dossier sanitari dei candidati alla vaccinazione, procedono all’inoculo e vigilano sulla procedura sino al ritorno in camera degli ospiti.
Mentre oltre il 90% degli operatori risulta ora vaccinato, il completamento del primo ciclo per gli ospiti delle RSA è previsto per la data del 26 Gennaio e costituisce il primo fondamentale tassello
per la messa in sicurezza di tutto il sistema delle residenze anziani.

“Dobbiamo tutti insieme esprimere un sentimento di riconoscenza – sottolinea il Direttore Generale Asl AT, Flavio Boraso – per lo sforzo eccezionale messo in campo dalle equipe vaccinali.
Ricordo che queste sono composte da personale aziendale ma non solo: alcuni medici in pensione hanno infatti offerto la propria disponibilità per “scendere in campo” vicino ai più giovani colleghi. Parliamo di uno sforzo corale che va ben oltre gli orari consueti e che in breve tempo ha consentito di raggiungere e superare gli obiettivi assegnati all’Azienda. Attendiamo ora le direttive nazionali e regionali che riguardano la popolazione dei soggetti fragili, gli ultraottantenni in primis, così come gli operatori dei servizi essenziali e di pubblica utilità. I servizi aziendali sono pronti a garantire questo servizio, assieme naturalmente ai medici e ai pediatri di famiglia”.

La soglia dei circa 8.000 vaccinati che si conseguirà nei prossimi giorni con la prosecuzione del lavoro nelle Case di riposo rappresenta un ottimo risultato in ambito regionale, tanto più se confrontato con il numero dei soggetti candidati in questa prima fase di vaccinazione, e testimonia come il sistema attuato nell’Astigiano, nel suo complesso, può e potrà rivestire un ruolo di primo piano nel collaborare al raggiungimento degli obiettivi fissati dall’Assessorato alla Sanità Piemontese.