Quantcast

Il comune commissariato di Santo Stefano Roero riparte da una lista civica

Il Comune di Santo Stefano Roero versa in condizioni critiche, con un debito che, ad oggi, ammonta  complessivamente a circa 1 milione e trecentomila euro. IRPEF e IMU sono state aumentate alla più alta
aliquota possibile e serviranno anni ai santostefanesi per coprire di tasca propria il buco.

Il Comune è stato commissariato, e si attende di andare alle elezioni entro giugno.
A fronte di questa situazione alcuni cittadini santostefanesi hanno costituito un gruppo di cittadinanza attiva, Viviamo Santo Stefano Roero, con il quale si desidera far voltare pagina al paese. “Il gruppo condivide idee, opinioni e agisce in piena trasparenza – commentano – Vogliamo essere un’assemblea pubblica, aperta a quanti sono interessati a prendere parte alla vita del paese e che possa diventare un punto di riferimento anche per il futuro consiglio comunale. Nonostante le difficoltà dettate dalla distanza e dalla impossibilità ad incontrarci di persona, il gruppo è guidato da una forte volontà e si è trovato con cadenza periodica in videoconferenza per cominciare a lavorare sin dalla notizia del commissariamento del Comune.

Si tratta di un gruppo eterogeneo, composto da molti giovani e da persone con più esperienza, da santostefanesi di vecchia data e da nuove famiglie trasferitesi di recente. I componenti svolgono mestieri diversi e hanno differenti vissuti.
“Ciò che ci accomuna  è l’amore per il paese di Santo Stefano Roero e la ferma convinzione di voler operare diversamente dall’amministrazione precedente. A partire da questo gruppo di discussione e confronto, avendo riunito in breve tempo più di 50 cittadini santostefanesi, verrà costituita una lista civica che si candiderà come alternativa concreta alle elezioni di giugno. Le premesse di un gruppo di cittadinanza attiva in un paese senza
opposizione non si possono realizzare senza il coraggio di mettersi completamente in gioco. Il gruppo di cittadinanza attiva non nasce in funzione della creazione della lista: quest’ultima sarà affiancata dal lavoro del gruppo anche dopo un’eventuale elezione. Tutti possono partecipare al gruppo di cittadinanza attiva: il gruppo Viviamo Santo Stefano Roero funzionerà come portavoce delle istanze dei cittadini La lista è ancora in fase di definizione, così il programma”.

Il gruppo ha scelto dei portavoce per presentare alcune linee guida che orienteranno i punti del programma elettorale. si riportano di seguito le loro dichiarazioni.

“Il gruppo Viviamo Santo Stefano Roero nasce per un atto di amore verso il nostro paese e come dovere civico per riprendere il controllo della cosa pubblica. Il nostro splendido paese dalle grandi potenzialità deve mettere al centro i cittadini, ascoltarne le idee e le necessità e trovare le energie per contribuire a un cambiamento in positivo”.
(Cesare Cuniberto, 67 anni, pensionato)

“Ci piacerebbe che Santo Stefano fosse un paese vivo e accogliente anche per i giovani e le famiglie, che ne rappresentano il futuro. Il gruppo si impegna quindi ad ascoltare anche le loro esigenze, cercando insieme modalità per fornire servizi adeguati”.
(Michela Nizza, 38 anni, mamma e impiegata)

“Sosterremo fortemente tutte le associazioni (comunali e non) ed i volontari che vorranno portare un contributo al miglioramento della qualità della vita, alla tutela e promozione del territorio, all’assistenza delle categorie più deboli, alla promozione del bello del nostro paese.”
(Guido Borgogno, 63 anni, pensionato)

“Vogliamo valorizzare il territorio di Santo Stefano, con le sue bellezze e le sue fragilità. Inoltre, promuoveremo iniziative che favoriscano la tutela della biodiversità e lo sviluppo del turismo verde”.
(Enrico Cauda, 46 anni, agricoltore)

“Vogliamo promuovere la cultura e le occasioni di aggregazione. Cercheremo di valorizzare le strutture già esistenti a Santo Stefano per ospitare eventi culturali e conviviali che possano far conoscere il nostro paese nel Roero e in Piemonte.”
(Letizia Bertero, 21 anni, studentessa)

“Il nostro gruppo di cittadinanza attiva è aperto a chiunque voglia dedicare a Santo Stefano un po’ di tempo, idee ed energia: invitiamo quanti fossero interessati a contattarci alla nostra email santostefanoroero@gmail.com, oppure al numero 335 5787415.”
(Erik Tarabra, 47 anni, educatore professionale)