Quantcast

Covid, il Piemonte verso la zona arancione: ecco le misure previste

I dati dell’ISS pongono il Piemonte tra le regioni classificate da zona arancione.
La decisione ufficiale verrà presa nella giornata di oggi dal Ministro della Salute, Roberto Speranza, con la firma dell’ordinanza. La decorrenza della variazione di zona è domenica 17 gennaio.

In attesa dell’ordinanza la misura è stata anticipata dal vicepresidente della Regione, Fabio Carosso.

Le misure in vigore da domenica 17 gennaio:
– Apertura dei negozi al dettaglio.
– Apertura dei centri estetici.
– Apertura dei mercati anche extra-alimentari.
– Apertura centri sportivi.
– Si agli spostamenti all’interno del proprio comune.

SPOSTAMENTI
Vietato circolare dalle ore 22 alle 5 del mattino salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.
Vietati gli spostamenti in entrata e in uscita da una Regione all’altra e da un Comune all’altro, salvo comprovati motivi di lavoro, studio, salute, necessità.
Raccomandazione di evitare spostamenti non necessari nel corso della giornata all’interno del proprio comune.
Consentita la visita a parenti ed amici nel limite di due persone, oltre ai minori di anni 14 sui quali tali persone esercitino la potestà genitoriale e alle persone disabili o non autosufficienti conviventi, solo all’interno del proprio comune.
Consentiti gli spostamenti dai comuni con una popolazione non superiore a 5mila abitanti, per una distanza non superiore ai 30km e mai verso i capoluoghi di provincia.
Consentita l’attività motoria nei pressi della propria abitazione.
Consentita l’attività sportiva all’aperto ma solo in forma individuale.

Chiusura di bar e ristoranti, 7 giorni su 7.
Per la consegna a domicilio non ci sono restrizioni.
L’asporto è consentito fino alle ore 22.
Per i soggetti che svolgono come attività prevalente una di quelle identificate dai codici ATECO 56.3 e 47.25 (Bar) l’asporto è consentito esclusivamente fino alle ore 18.

Chiusura dei centri commerciali nei giorni festivi e prefestivi ad eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, di prodotti agricoli e florovivaistici, tabacchi, edicole e librerie al loro interno.
Chiusura di musei e mostre.
Sospensione di attività di sale giochi, sale scommesse, bingo e slot machine anche nei bar e tabaccherie.
Impianti sciistici chiusi
Restano chiuse piscine, palestre, teatri, cinema.

SCUOLE
– Didattica in presenza per scuole dell’infanzia, scuole elementari e scuole medie.
– Didattica in presenza per le scuole superiori al 50%. Previsti tavoli provinciali coordinati dai Prefetti per l’organizzazione di orari e trasporto pubblico.
– Trasporto pubblico locale e trasporto ferroviario regionale: coefficiente di riempimento non superiore al 50%

Coprifuoco dalle 22 alle 5